POLEMICHE

Auguri Varenne: il campione ha compiuto 25 anni. Il suo addio al Piemonte è una ferita aperta

L'addio a Vigone del più grande trottatore di tutti, trasferito in Lombardia, è ancora al centro di feroci polemiche.

Auguri Varenne: il campione ha compiuto 25 anni. Il suo addio al Piemonte è una ferita aperta
01 Giugno 2020 ore 15:46

Ha compiuto 25 anni pochi giorni fa il più grande trottatore di tutti i tempi: il cavallo Varenne. Il compleanno del campione a quattro zampe rappresentava un appuntamento per molti torinesi appassionati di ippica, che erano abituati ad andare in pellegrinaggio nel centro di allevamento “Il Grifone”, a Vigone. Il trasferimento del cavallo più famoso al mondo in Lombardia resta una ferita aperta.

Compleanno (con polemiche) per il campione Varenne

Per la prima volta dopo il ritiro dalle corse Varenne non era a Vigone. Per i tanti torinesi affezionati alla storia di questo campione è stato come riaprire una ferita che difficilmente si potrà rimarginare. La scorsa estate, dopo 17 anni, il “Capitano” ha lasciato il Piemonte e si è trasferito all’Equicenter di Inverno e Monteleone, in provincia di Pavia e l’addio è avvenuto nel peggiore dei modi. Il campionissimo dell’ippica italiana si è trovato suo malgrado al centro di una battaglia legale combattuta a colpi di querele, richieste di sequestro e indagini della magistratura che hanno reso inutile una petizione firmata da centinaia di appassionati che fino all’ultimo hanno provato a trattenerlo in provincia di Torino.

Via dal Piemonte

I suoi ultimi giorni a Vigone Varenne li ha vissuti guardato a vista da una guardia giurata, incaricata dalla proprietà di sorvegliarlo 24 ore su 24. Con l’auto della sicurezza parcheggiata di fronte al suo box, nessuno poteva più avvicinarsi, se non la sua groom Annamaria Crespo, la “tata” che lo ha accudito fino dal 2002. Aveva appena deciso di smettere con i cavalli per stare più vicina alla sua famiglia, ma quando le proposero di occuparsi dello stallone più famoso del mondo, ci ripensò, arrivando perfino a sacrificare il suo matrimonio.

“Ho salutato per l’ultima volta Varenne una mattina di inizio agosto, ma non mi sono fermata a guardarlo andare via. Mi avrebbe fatto troppo male. Da allora non l’ho più visto, non me la sono sentita di andare a trovarlo. Lo farei solo se avessi la certezza di riportarlo a casa”, ha raccontato la donna.

Già perché per Anna, come la chiamano tutti, la casa del Capitano è a Vigone.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità