Attualità
cocconato

Conbipel, scongiurati i tagli agli stipendi

Si è svolto un incontro tra proprietà e dipendenti: tra un paio di settimane si svolgerà un altro tavolo ufficiale.

Conbipel, scongiurati i tagli agli stipendi
Attualità Chivasso, 16 Luglio 2022 ore 06:14

In un incontro con la proprietà viene cancellato il taglio alla Ral (Retribuzione Annua Lorda) dei dipendenti amministrativi di Cocconato.

Conbipel, scongiurati i tagli agli stipendi

In un incontro con la proprietà viene cancellato il taglio alla Ral (Retribuzione Annua Lorda) dei dipendenti amministrativi di Cocconato. Prossimo tavolo entro fine luglio.

«Il 30 giugno 2022 la Conbipel spa in Amministrazione Straordinaria ha avanzato un preliminare di vendita presso il notaio alla Eapparels Ltd in collaborazione con JD Sport Fashion Srl al quale si prevede presumibilmente a fine luglio 2022 l'acquisizione. Filcams Fisascat e Uiltucs nazionali hanno raggiunto l'intesa come prevede la normativa di legge dopo 14 ore di trattative ininterrotte. - Sulla vicenda Conbipel interviene Francesco Di Martino, Segretario Generale UILTuCS Asti, con un comunicato che spiega il percorso concordato con l’azienda - . L'accordo prevede il trasferimento di 1408 dipendenti dell'intero perimetro aziendale, mantenendo inalterati gli stipendi, il divieto a porre licenziamenti per i prossimi 24 mesi e la continuità del Contratto Integrativo Aziendale. Dai negozi in chiusura o sospensione nel complesso aziendale vengono tutelate all'incirca 50 unità, permettendo una ricollocazione. La Uiltucs Asti pur ritenendo nel suo insieme il massimo raggiungibile, non consente ad alcune figure professionali della sede e magazzino il passaggio. L'accordo stesso prevede a partire dai prossimi giorni delle verifiche sulle potenzialità di accesso alla pensione, delle lavoratrici e lavoratori non coinvolti al trasferimento, utilizzando la CIGS messa a disposizione dal MISE sino al 31 dicembre 2025 oltre alla possibilità di utilizzare la NASPI.
Sottratti i contratti a termine non confermati, rimangono all'incirca 18 persone, in cui vi sono distanze enormi ad accettare anche con un incentivo all'esodo, la condizione di trovarsi non trasferito. La Uiltucs Asti tutelerà in ogni sede le figure professionali impropriamente lasciate fuori.
In questi anni tutti i lavoratori hanno sopportato e supportato le incapacità manageriali di mancati investimenti. Durante la pandemia lavoratrici e lavoratori hanno fatto ogni sforzo per far ripartire la Conbipel. Il marchio è salvo, l'occupazione meno».

La cassa integrazione

Il sindacalista, poi, torna sul livello locale, dove i lavoratori interessati sono poco meno di una ventina.

«Condivideremo con i dipendenti coinvolti le opportunità migliori» conferma. Poi affronta un altro tema molto importante legato alla cassa integrazione.

«La Cassa integrazione straordinaria rimarrà sino al 31 dicembre 2025 – dice Di Martino - Anche questa è una sicurezza in più per gli operatori».

L’incontro relativo all’avvio della procedura della cessione di Conbipel ai nuovi acquirenti, ha visto la partecipazione, tra gli altri, di rappresentanti del Ministero dello Sviluppo economico, del commissario straordinario Luca Jeantet e, ovviamente, dei sindacalisti di Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter