Attualità
il caso

Discarica, ancora un no dalla Città metropolitana all'ampliamento

Ancora discussioni sulla nona vasca. 

Discarica, ancora un no dalla Città metropolitana all'ampliamento
Attualità Chivasso, 20 Luglio 2021 ore 16:41

Nuova vasca nella discarica di Torrazza Piemonte: ancora un no dalla Città metropolitana. Bloccato l'ampliamento della nona vasca.

Discarica, ancora un no dalla Città metropolitana

Dopo il diniego già manifestato lo scorso anno, gli uffici della Città metropolitana di Torino si sono nuovamente espressi negativamente al progetto di realizzazione di una nuova vasca all’interno dell’impianto della discarica di Torrazza Piemonte. Il Tar era intervenuto a favore di una riapertura del procedimento avviato dall’azienda, La Torrazza srl, proprietaria dell'impianto situato nel territorio del comune del chivassese, per la realizzazione di una nuova vasca che sarebbe andata ad aggiungersi a quelle già presenti all'interno dell'area di circa 210 mila metri quadri, attiva dal 1981, dove si svolgono attività di smaltimento di rifiuti non pericolosi e pericolosi compresi quelli contenenti amianto.

La storia

Riassumiamo in breve la vicenda. La gestione delle vecchie celle, con lo smaltimento di rifiuti industriali, sia speciali che tossico-nocivi (ex categoria 2B ai sensi della D.C.I.27/07/84), era partita con la cella 1 nel 1981 e terminata con la cella 7 nel 1993. Queste celle erano già state individuate quali sorgenti di inquinamento delle acque sotterranee e richiesto l'attivazione delle procedure di bonifica oggi concluse ai sensi dell'attuale normativa.
Negli anni Novanta la società aveva avviato le procedure per la realizzazione della cella 8, una vasca con una previsione di volumetria iniziale di ben 700.000 metri cubi, ma nel 1996 il Ministero dell'Ambiente con proprio DEC.VIA era intervenuto ridimensionando il progetto e dimezzando la volumetria a 350.000 metri cubi, oltre ad esplicitare che quello sarebbe stato l'ultimo intervento possibile all'interno del sito inserito in un contesto territoriale caratterizzato da un notevole carico ambientale.
Nel 2000 anche la Regione Piemonte, a cui competeva l'approvazione del progetto ed il rilascio dell'autorizzazione alla realizzazione della cella 8, aveva confermato le prescrizioni del Ministero.
Nel corso del 2014 era stato approvato un poco significativo rimodellamento della cella 8 da parte dell'allora Provincia di Torino che ribadiva come il progetto presentato doveva costituire l'ultimo ampliamento in termini di volumi di smaltimento dell'area in disponibilità della società La Torrazza. Con il passare degli anni si è assistito ad un progressivo processo di urbanizzazione, con la creazione ed il successivo ampliamento di nuove aree residenziali situate a sud dell'area oggetto dell'intervento, ad una distanza di circa 300 metri dalla nuova vasca, una situazione decisamente meno cautelativa anche rispetto alle valutazioni di rischio effettuate dal Ministero. C’è da aggiungere che anche i comuni limitrofi hanno sempre espresso la loro contrarietà a progetti di espansione dell’impianto.

La scelta di Azzarà

“Abbiamo ribadito, sulla base di elementi tecnici, la nostra contrarietà all’intervento nella discarica di Torrazza – hanno commentato il vicesindaco metropolitano Marco Marocco e la consigliera con delega all'ambiente Barbara Azzarà – mettendo al primo posto la salute dei cittadini anche in considerazione alla situazione particolare di quella parte di territorio”.

SU LA NUOVA PERIFERIA DI MERCOLEDI' 21 LUGLIO LE PAROLE DEL SINDACO MASSIMO ROZZINO