Attualità
BRANDIZZO

Evasione, il Comune recupera 382 mila euro in sei mesi

Il consuntivo del 2021 si chiude in attivo con 5 milioni di euro, ma solo un quinto potrà essere utilizzato.

Evasione, il Comune recupera 382 mila euro in sei mesi
Attualità Chivasso, 15 Maggio 2022 ore 05:30

«Il rendiconto di gestione costituisce il momento conclusivo con cui la Giunta rendiconta e certifica le spese e le entrate effettivamente sostenute per la gestione dell’ente e con la quale si determina il risultato d’amministrazione». Inizia così il primo cittadino Paolo Bodoni.

Il rendiconto

«Il rendiconto di gestione costituisce il momento conclusivo con cui la Giunta rendiconta e certifica le spese e le entrate effettivamente sostenute per la gestione dell’ente e con la quale si determina il risultato d’amministrazione». Inizia così il primo cittadino Paolo Bodoni che poi prosegue: «Per il Comune di Brandizzo è stato conseguito un risultato positivo con la determinazione di un avanzo d’amministrazione ammontante ad 5.016.656,48 euro che viene distinto in: fondi liberi pari a 1.103.846,90 euro fondi accantonati per 3.110.843.75 euro, fondi destinati agli investimenti 9.521,84 euro, fondi vincolati 792.443,99 euro.
La voce più cospicua dell’Avanzo si riferisce alla parte accantonata che è rappresentata per 2.749.397,64 euro dal FCDE (fondo crediti di dubbie e difficile esazione), dall’anticipazione di liquidità per 300.855,82 euro, dal fondo rischi per eventuale contenzioso per 10.000 euro, e da altri accantonamenti pari ad 50.590,29 euro comprendenti gli accantonamenti per oneri futuri per passività potenziali per utenze (euro 9.417,31), i rinnovi contrattuali del personale dipendente e del Segretario Comunale (euro 39.072,98) ed il trattamento di fine mandato del Sindaco (euro 2.100).
A seguito dell’iscrizione del FCDE con un importo elevato, ma prudenziale, il risultato d’esercizio riportato sul Conto Economico dell’ente, ha subito una diminuzione rispetto agli anni precedenti pur rimanendo comunque un dato positivo (345.978,40 euro). Nel 2021, invece, a seguito di attenta analisi sulle riscossioni effettive dell’ultimo quinquennio (comprensivo degli anni 2020-2021), grazie all’inesauribile lavoro del settore economico finanziario coordinato dalla Margherita Romaniello, si è ritenuto opportuno costruire un accantonamento congruo, ma non penalizzante per l’Ente in virtù del fatto che la società di riscossione incaricata dall’ enter ha ripreso l’attività dal 1 settembre 2021 per effetto della cessazione della sospensione che era intervenuta a livello nazionale tra le disposizioni emergenziali. Il lavoro di riscossione coattiva e accertamento, da settembre 2021 a marzo 2022, sta portando nuove risorse all’Ente pari a 382.500 euro». L’unica quota “apparentemente” libera del risultato di amministrazione è pari a 1.103.846,90 euro che risponde però a obblighi di utilizzi che la norma prevede espressamente ed indica secondo un preciso ordine di priorità. «L’ordine delle finalità a cui destinare la quota libera del risultato di amministrazione sono: la copertura dei debiti fuori bilancio; i provvedimenti necessari per la salvaguardia degli equilibri di bilancio, il finanziamento di spese di investimento; il finanziamento delle spese correnti a carattere non permanente, vale a dire caratterizzate dall’assenza di continuità temporale e l’estinzione anticipata dei prestiti. - Prosegue il sindaco - La quota libera dell’avanzo, alla luce della modifica normativa prevista all’interno del Decreto Aiuti fornirà la perfetta soluzione per il Comune di Brandizzo per far fronte alle ingenti maggiori spese per utenze che si stanno già registrando in questi primi mesi del 2022. Il decreto prevederà, infatti, la possibilità di utilizzare le quote di avanzo libero per tale finalità, in via eccezionale, data la condizione di straordinaria emergenza che si è venuta a creare nel nostro Paese come, purtroppo, nel resto dell’Europa».

I risultati

«Infine, posso certamente affermare che nonostante le difficoltà indotte principalmente dal periodo pandemico da Covid 19, insieme al malsano aumento della elusione dei tributi da parte dei contribuenti e dal contenuto volume degli oneri di urbanizzazione, i risultati conseguiti nel corso del 2021 sono stati più che lodevoli. - Conclude Paolo Bodoni - Per questo motivo ringrazio tutti gli uffici comunali, la Giunta Comunale, insomma tutta la mia squadra».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter