Attualità
RONDISSONE

Ex Scet, ci sono società interessate

Il futuro è ancora tutto top secret.

Ex Scet, ci sono società interessate
Attualità Chivasso, 10 Aprile 2022 ore 05:36

Era il 2018 quando lo stabilimento che un tempo ospitava la Scet Magnet Wire a Rondissone diventa di proprietà della Maraf srl, società che ha sede in strada Sotto Cerca 7 a Villareggia.

Ex Scet, ci sono società interessate

Un sito produttivo e logistico che ancora oggi si trova in vendita su un sito online al prezzo di un milione di euro.
Un’area immensa, sono 37.855 m², all’interno della quale un tempo si producevano cavi e materiali elettrici. Un’azienda nella quale lavorano moltissime persone del territorio, tant’è che proprio grazie ad essa il paese era cresciuto. Poi il fallimento che aveva messo in ginocchio queste famiglie.
Ma nel 2018 quando la società di Villareggia aveva acquistato l’intera struttura si era tornati a sperare in un futuro. Ma nulla, o almeno non ufficialmente. Si era parlato dell’arrivo di un polo logistico come Zalando (ma la stessa società di e commerce aveva negato l’interesse) e un parcheggio per i mezzi di trasporto di Amazon (area poi realizzata vicino al sito di Torrazza Piemonte). Ma le opzioni non sarebbero solo queste, almeno ora, dove pare che ci siano società molto interessate a quest’area. Sembrerebbe, ma nessuno lo conferma per via delle trattative top secret, infatti che ci siano aziende che starebbero cercando un accordo per avviare un’attività in questo punto. Si parlerebbe anche di demolizione della stessa struttura per costruire una nuova realtà.

Tutto top secret

Dal Palazzo Municipale massimo riserbo da parte degli amministratori come spiega il sindaco Antonio Magnone: «Non c’è nulla di ufficiale, nulla di certo. Il dialogo non è tra il Comune e le parti interessate ma è tra l’attuale proprietario e i possibili interessati. Le trattative sono riservate».
Si tratterebbe, se la trattativa andasse in porto, di una bella notizia per il territorio perché, proprio come lo è stato Amazon alcuni anni fa, potrebbe esser un nuovo modo per rilanciare l’economia locale.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter