Attualità
VEROLENGO

Il Comune vuole riaprire la sala d'attesa

Era stata chiusa durante l'Amministrazione Giachello.

Il Comune vuole riaprire la sala d'attesa
Attualità Chivasso, 15 Agosto 2022 ore 07:00

Era il 2017 quando l’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Rosanna Giachello aveva deciso, come la stessa aveva dichiarato nel corso di un Consiglio comunale «di restituirla ai proprietari, cioè alle Ferrovie dello Stato... Io avevo paura di trovarmi un morto di overdose da un momento all’altro. Non volevo correre questo rischio. Inoltre, nelle settimane prima di prendere questa decisione mi ero trovata sui giornali foto di atti vandalici, di sporco e altro».

Sala d'attesa chiusa

Era il 2017 quando l’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Rosanna Giachello aveva deciso, come la stessa aveva dichiarato nel corso di un Consiglio comunale «di restituirla ai proprietari, cioè alle Ferrovie dello Stato... Io avevo paura di trovarmi un morto di overdose da un momento all’altro. Non volevo correre questo rischio. Inoltre, nelle settimane prima di prendere questa decisione mi ero trovata sui giornali foto di atti vandalici, di sporco e altro».
Una scelta che l’allora minoranza aveva contestato. Quella stessa opposizione che dal 2019 guida il paese.

Il Comune la vuole riaprire

E proprio il primo cittadino Luigi Borasio insieme alla sua Amministrazione da tempo promuove la sua riapertura, tant’è che proprio nei giorni scorsi il consigliere Mauro Mazzetti ha inviato una nuova richiesta.

«Abbiamo spiegato la situazione a Ferrovie per lo Stato che ci ha invitato a ripresentare la domanda - spiega Mazzetti - Cosa di cui si è occupato l’ufficio tecnico. Sempre Rfi ci ha spiegato che il nulla osta all’operazione deve arrivare dalla sede centrale di Roma ma noi confidiamo in un esito positivo.
Per noi sarebbe molto importante perché se ci fosse l’ok non vorrebbe dire solamente riaprire la sala d’aspetto (cosa molto importante) ma ottenere l’intero stabile in comodato d’uso.
Certamente l’utilizzo del primo piano ci viene concesso solo se viene dato alle associazioni. Ma questa è la nostra intenzione. Per farlo occorrerà fare dei lavori agli impianti, come quello elettrico e quello idrico, ma sarebbe ottimo per dare una risposta ai gruppi che sono ancora senza una sede e anche per non veder decadere la struttura.
Anche la sala d’aspetto sarà interessata da dagli interventi come la sanificazione e pulizia, l’opera di tinteggiatura oltre alla posa di panchine. Nella sala sarà poi installata un’apertura automatizzata oltre all’installazione di un sistema di videosorveglianza come deterrente per gli atti vandalici».

Insomma, un bell’intervento che ci si augura che possa diventare realtà nel breve periodo. Soprattutto per quanto concerne la sala d’aspetto fondamentale durante la brutta stagione quando i verolenghesi sono obbligati ad attendere al freddo alle intemperie il treno.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter