Attualità
iniziativa

Il Piemonte alla 54° edizione di Vinitaly a Verona

Con la rappresentanza delle aziende, cantine cooperative e associazioni di produttori che presenteranno le novità vitivinicole all’evento enologico tra i più importanti a livello internazionale.

Il Piemonte alla 54° edizione di Vinitaly a Verona
Attualità Torino, 08 Aprile 2022 ore 16:40

Il Piemonte sarà al Vinitaly 2022, a Verona dal 10 al 13 aprile, al Padiglione 10 di Veronafiere, con la rappresentanza delle aziende, cantine cooperative e associazioni di produttori che presenteranno le novità vitivinicole all’evento enologico tra i più importanti a livello internazionale.

Il Piemonte alla 54° edizione di Vinitaly a Verona

La Regione Piemonte sarà presente con uno spazio istituzionale allestito all’interno del Padiglione 10, stand G2, in collaborazione con Piemonte Land of wine, l’ente che rappresenta tutti i consorzi piemontesi del vino, e Unioncamere Piemonte.

L’area collettiva regionale, che si identifica per un’immagine grafica ideata da Francesco Pozzato, l’artista vincitore dell’ottava edizione del progetto d’Artista indetto in collaborazione con Artissima, fiera internazionale di arte contemporanea di Torino, comprende uno spazio incontri ed uno spazio degustazione dove saranno presenti i grandi vini piemontesi, insieme ai distillati: 18 Docg e 41 Doc che coprono circa l’80 per cento della produzione totale. Al Vinitaly nella Cittadella della Gastronomia ci sarà anche il Ristorante Piemonte (Area H), unico tra le regioni presenti alla kermesse, dove gli chef stellati piemontesi Massimo Camia e Massimiliano Musso proporranno un menù con i prodotti di qualità del territorio in abbinamento ai vini Doc e Docg piemontesi.

L'inaugurazione il 10 aprile

Nell’area Piemonte si svolgerà il programma giornaliero di eventi per far conoscere le novità, i progetti e le campagne promozionali dei consorzi e dei produttori. Domenica 10 aprile, ore 14, si terrà l’inaugurazione ufficiale dell’area Piemonte con l’assessore regionale all’Agricoltura e Cibo Marco Protopapa, e interverranno Filippo Mobrici, presidente Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato; Francesco Pozzato, artista creatore dell’opera che rappresenta il Piemonte al Vinitaly 2022; Sonia Belfiore, curatrice del progetto Artissima per Regione Piemonte 2022). Per l’occasione verranno presentati il progetto Artissima 2022 e il vitigno dell’anno 2022 del Piemonte.

Sempre domenica 10 aprilealle ore 16, al Palaexpo, verrà assegnato ad un piemontese il premio Angelo Betti, Premio “Benemeriti della Vitivinicoltura Italiana”, dedicato ai professionisti ed imprenditori del mondo enologico che si sono particolarmente distinti per aver contribuito al progresso qualitativo in ambito produttivo, segnalati dagli Assessorati regionali all’agricoltura.

Il programma

Lunedì 11 aprile saranno presenti il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e il vicepresidente regionale Fabio Carosso.

Tra gli appuntamenti si segnalano nell’area Piemonte: lunedì 11 aprile, ore 13.10-14.15Anteprima Douja d'Or al 54° Vinitaly di Verona, a cura della Camera di commercio di Alessandria-Asti, (intervengono: Gian Paolo Coscia, Presidente Camera di commercio Alessandria-Asti, Filippo Mobrici, Vice Presidente Piemonte Land of wine, Mario Sacco, Presidente Fondazione Asti Musei); ore 14.30 – 16, presentazione del nuovo marchio “Sorì Eroici. Un certificato di qualità per i vini delle vigne verticali”, a cura dell’Associazione Comuni del Moscato, con la partecipazione del vicepresidente della Regione Piemonte Fabio Carosso.

Martedì 12 aprile alle ore 14, centrocongressi Palaexpo, gli assessori regionali al Turismo, Vittoria Poggio e all’Agricoltura, Marco Protopapa partecipano al convegno a cura di Enit “L’Enoturismo come strumento per lo sviluppo rurale”, al quale interverrà il ministro del Turismo Massimo Garavaglia.

Gli interventi

“Il Piemonte ha sempre garantito la sua presenza al Vinitaly e questo anche nella passata special editiondel mese di ottobre, che sebbene  in formula ridotta ha permesso di dare un segnale di ripresa alla normalità. - dichiarano il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e l’assessore regionale all’Agricoltura e Cibo Marco Protopapa - Nell’edizione 2022 il comparto vitivinicolo piemontese ritorna con una partecipazione unitaria dei produttori per presentare a Verona, vetrina mondiale dell’enologia, i nostri vini eccellenti richiesti dai mercati nazionali ed internazionali. Prosegue infatti il sostegno della Regione alle aziende vitivinicole ed ai consorzi di tutela anche per le attività di promozione delle nostre denominazioni in Europa e nei Paesi terzi, considerando che nel 2021 il valore dell’export del vino piemontese ha superato 1 miliardo di euro”.

Filippo Mobrici, vicepresidente di Piemonte Land of Wine e anche presidente del Consorzio Barbera d’Asti e vini del Monferrato dichiara: “Prima di tutto mi preme chiarire che Piemonte Land of Wine è presente a Vinitaly 2022 su richiesta diretta delle Cantine e delle aziende vinicole piemontesi appartenenti a tutti i territori vocati, da quelli celebrati a quelli emergenti, che ci hanno chiesto e chiedono di essere a Vinitaly 2002 perché evidentemente considerano la Fiera di Verona strategica e utile alla presentazione internazionale dei loro prodotti. Piemonte Land, del resto, rappresenta tutti i Consorzi vinicoli piemontesi che, da parte loro, rappresentano gli interessi delle Cantine e dei vignaioli associati. Inoltre - aggiunge Mobrici - quest’anno più che mai Vinitaly è un appuntamento denso di significati per il settore vino piemontese. Arriviamo dai due anni non facili della pandemia, con strascichi economici e sociali non trascurabili e prospettive ancora non chiare. Inoltre - annota ancora il vicepresidente di Piemonte Land of Wine - l’incertezza di una guerra nel cuore dell’Europa, con il suo tragico carico di drammi e con le conseguenti sanzioni e i relativi risvolti commerciali, ha aggiunto incognite difficili da prevedere. Nonostante questo - conclude Mobrici - il comparto del vino piemontese si presenta al Vinitaly 2022 di Verona determinato a perseguire la realizzazione di progetti e intenti che partono dalla vigna e arrivano sui mercati di tutto il mondo che, speriamo, ritrovino presto serenità e sviluppo”.

“Nonostante nell’ultima vendemmia il Piemonte abbia prodotto 2,3 milioni di ettolitri di vino, contro gli oltre 2,7 milioni del 2020 (-15% rispetto all'anno precedente) sappiamo essere stata un’annata eccellente per la qualità delle nostre uve. Buoni anche i dati regionali dell’export  nonostante la crisi pandemica: 1,2 miliardi il valore della vendita all'estero di vini piemontesi per una variazione del +12,2% rispetto all'anno precedente. Consci dell'importanza strategica di questo settore economico, il sistema camerale piemontese è da sempre impegnato nella promozione e valorizzazione dei prodotti tipici vitivinicoli: le produzioni piemontesi ci rappresentano all'estero, perché testimoniano la qualità e la passione del lavoro dei tanti produttori locali  - commenta il presidente di Unioncamere Piemonte, Gian Paolo Coscia -. È quindi con orgoglio che, ancora una volta e dopo due anni di restrizioni a causa del Covid, portiamo queste realtà al Vinitaly, accogliendo e coordinando all’interno della collettiva regionale circa 150 imprese, a cui si aggiungono nel resto della fiera le singole presenze di altre grandi e piccole aziende che possono sempre contare sul nostro sostegno”.

Il programma degli eventi dal 10 al 13 aprile nell’area Piemonte, Pad.10, stand G2

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter