Attualità
chivasso

Nuovi locali mense nelle scuole

Rientrano nel Piano Nazionale di ripresa e resistenza al capitolo istruzione.

Nuovi locali mense nelle scuole
Attualità Chivasso, 19 Giugno 2022 ore 05:31

E’ decisamente soddisfatto il sindaco Claudio Castello che chiude il suo mandato con altri due progetti che rientrano nel Piano Nazionale di ripresa e resistenza al capitolo istruzione.

Scuola Dasso in via Blatta

Riguarda la costruzione dei locali adibiti a refettorio scolastico. Il progetto, finanziato per 655 mila euro, prevede, appunto, la nuova costruzione di un locale da destinare esclusivamente a mensa scolastica a servizio dell’edificio Scuola Elementare. E’ previsto l’inserimento di un nuovo corpo di fabbrica nell’area est attualmente occupata da un basso fabbricato ad uso magazzino e da un campetto di calcio cementato. Tra il piano di imposta del corpo di fabbrica dell’intero edificio già presente e quello su cui verrà costruito il nuovo edificio sussiste un dislivello di circa 3 metri. La nuova costruzione pertanto sarà un edificio autonomo e raccordato all’esistente da una passerella che costituirà il passaggio degli studenti per l’accesso alla nuova area refettorio. L’attuale edificio scolastico possiede al suo interno uno spazio dedicato al servizio mensa, ma la preparazione di pasti avviene all’esterno. Inoltre questo locale è ubicato al piano seminterrato e le dimensioni costringono l’erogazione dei pasti con una doppia turnazione. Gli alunni che usufruiscono del servizio infatti sono circa 120 con due turni da 60 pasti per volta.
La necessità quindi di realizzare un nuovo fabbricato di dimensioni di circa 330 mq consentirebbe di mettere a disposizione degli studenti un locale più idoneo e più consono alla destinazione d’uso prevista, con la possibilità di erogazione del servizio in un unico turno.
Così si riesce anche a garantire una migliore organizzazione della gestione dell’attività scolastica della scuola. I luoghi pensati per la pulizia degli allievi (lavabi) saranno dislocati e disimpegnati all’ingresso del nuovo fabbricato dal corridoio di nuova costruzione di raccordo con l’edificio esistente. In generale nei locali sarà particolarmente curato il comfort acustico e quello igrotermico. Sarà concepito come un elemento molto innovativo sia dal punto di vista dell’impiego dei materiali che da quello di tipo igrotermico con caratteristiche flessibili e polifunzionali. Il piano sottostante al piano refettorio sarà costituito da un piano pilotis che consentirà di ricavare uno spazio di svago e di gioco parzialmente al coperto per tutti gli studenti del plesso scolastico e una porzione di locali chiusi che verranno fruiti come spazio spogliatoi a servizio della palestra, già in ipotesi di progetto e candidatura su un’altra linea di investimento del PNRR.

Cosola via Marconi

Ad oggi la richiesta di erogazione del servizio di refezione scolastica avviene sulla base di un numero dimezzato rispetto al complessivo numero di alunni che, solo per la scuola media, oggi conta 17 sezioni per 350 studenti. Il progetto dell’ampliamento, ovvero della nuova costruzione di un corpo di fabbrica in grado di ospitare complessivamente il doppio degli alunni, ammesso a finanziamento con riserva per 580 mila euro, innalzerebbe la qualità del servizio offerto e la qualità del rendimento scolastico: molte più famiglie sarebbero interessate alla fruizione del servizio mensa. E’ prevista la costruzione di un nuovo corpo di fabbrica ad un solo piano affiancato all’unità strutturale esistente con collegamento mediante un corridoio con apertura vano finestrato presente su lato nord−est dell’edificio esistente. L’ampiezza del nuovo fabbricato sarà di 300 mq e comprenderà gli spazi adibiti a refettorio, ai servizi igienici, e a quelli della distribuzione ed impiattamento del cibo.
L’incremento dell’area destinata a nuovo refettorio consentirà l’erogazione di pasti a 120 alunni raddoppiando quindi la capacità di erogazione del servizio che vedrebbe un incremento del 50%.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter