Attualità
ISTRUZIONE

Pochi nati, a scuola tornano le pluriclassi

Non è la prima volta che il plesso di Rondissone deve fare i conti con le difficoltà nell’istituire una classe.

Pochi nati, a scuola tornano le pluriclassi
Attualità Chivasso, 29 Gennaio 2022 ore 05:08

Non è la prima volta che il plesso scolastico di Rondissone, che fa parte dell’Istituto Comprensivo di Verolengo, deve fare i conti con le difficoltà nell’istituire una classe. Un problema che ha affrontato prima la Giunta De Ros, poi quella attualmente in carica, quella del sindaco Antonio Magnone.

Pochi nati, che cosa accadrà a scuola?

Non è la prima volta che il plesso scolastico di Rondissone, che fa parte dell’Istituto Comprensivo di Verolengo, deve fare i conti con le difficoltà nell’istituire una classe. Un problema che ha affrontato prima la Giunta De Ros, poi quella attualmente in carica, quella del sindaco Antonio Magnone. «Un problema legato principalmente alle nascite - spiega il consigliere con delega all’istruzione Veronica Pagliarulo - I nati nel 2016 sono molto pochi e solamente otto frequentano la scuola dell’infanzia del paese. Altri frequentano quelle dei Comuni vicini dove probabilmente proseguiranno il loro percorso di studio».
La situazione parte già in salita, il problema era ben conscio agli amministratori che però non hanno potuto attuare nessuna «politica» per incentivare le famiglie dei paesi vicini a portare i bimbi a Rondissone.
«Il problema è che il nostro Comune non dispone di uno scuolabus con le cinture dunque non possiamo nemmeno incentivare la frequenza nelle nostre scuole poichè non possiamo garantire il trasporto - prosegue Pagliarulo - Inoltre siamo una terra di confine, i Comuni limitrofi sono già Vercellesi, un’altra difficoltà».

Torna la pluriclasse

Dunque cosa succederà?
«Che gli iscritti siano tutti otto o solamente due, la scelta obbligata è quella della pluriclasse, già presente a Mazzè e Villareggia - spiega ancora il consigliere - Sta diventando una realtà diffusa proprio per il calo di nascite di questi anni. Infatti, non è possibile istituire classi con meno di quindici alunni. Va precisato, invece, che le pluriclassi non possono avere più di 18 allievi. A fronte di quest’ultimo dato si valuterà quali classi unire. Infatti, nell’attuale prima gli iscritti sono 11, se gli iscritti fossero 8 non sarebbe possibile ma queste valutazioni sono possibili solo dopo il 28, quando le iscrizioni saranno terminate.
L’orario della pluriclasse poi prevede lezioni separate tra le due annate di matematica e italiana mentre rimangono uniti per le altre come può esser quella di educazione fisica».
Dunque non resta che attendere la chiusura delle iscrizioni per conoscere la volontà dei genitori.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter