Attualità
torino

Raddoppiano i ricoveri: polmoniti, bronchiti, influenza (e Covid) colpiscono i bambini

Cosa farà la Giunta in merito? Lo chiede, in Consiglio Regionale con un Question Time, Magliano

Raddoppiano i ricoveri: polmoniti, bronchiti, influenza (e Covid) colpiscono i bambini
Attualità Chivasso, 13 Dicembre 2022 ore 11:58

I ricoveri per problemi respiratori passano da 29 a 59 presso l'Ospedale Infantile torinese, ma tante altre strutture, Ospedali e Pronto Soccorso del territorio sono in difficoltà: cosa farà la Giunta in merito? Lo chiede in Consiglio Regionale con un Question Time. In assenza, dopo due anni, di mascherine e distanziamento interpersonale, l'incidenza settimanale delle forme virali risulta in netta crescita rispetto agli anni precedenti: raggiunti i 14 casi per mille settimanali.

Raddoppiano i ricoveri infantili

Bronchiti, polmoniti e influenza colpiscono in queste settimane con particolare forza specialmente i pazienti più piccoli, mandando i Pronto Soccorso e gli Ospedali del territorio in forte difficoltà. L’Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino è, in particolare, quasi al completo, con il dato relativo ai ricoveri quasi raddoppiato.

La Question time

Silvio Magliano, Presidente Gruppo Consiliare Moderati, Consiglio Regionale del Piemonte:

La Giunta è consapevole di questa situazione? Quali misure intende mettere in atto per permettere ai Pronto Soccorso e alle strutture del territorio piemontese di garantire una risposta adeguata all'emergenza in corso? Lo chiederò domani in Consiglio Regionale del Piemonte con un Question Time appena presentato a Palazzo Lascaris. I reparti sono colmi e vi è carenza di posti letto: in pochi giorni i ricoveri per problemi respiratori al Regina Margherita di Torino sono, per esempio, saliti da 29 a 59. A questi 59 si devono aggiungere 7 ricoveri per Covid. Diversi altri virus sono stati isolati: adenovirus, rinovirus, virus parainfluenzale, virus respiratorio sinciziale (la causa più comune di bronchiolite, infiammazione delle piccole vie aeree dei polmoni). In assenza, dopo due anni, di misure obbligatorie di distanziamento e relative all'uso della mascherina, l'incidenza settimanale di casi è nettamente in aumento rispetto: siamo a 14 casi per mille settimanali segnalati dai medici sentinella, con crescita costante. Fondamentale è, ora, evitare di farsi cogliere di sorpresa, dal momento che la pressione verosimilmente continuerà ad aumentare nelle prossime settimane. Chiediamo alla Giunta risposte adeguate.

Seguici sui nostri canali