FOGLIZZO

Sostituite le panchine vandalizzate

Il sindaco: «Speriamo nel rispetto, le altre era state tutte rovinate»

Sostituite le panchine vandalizzate
Pubblicato:

Sono state posate delle nuove panchine in piazza Torino e nel parco di San Rocco grazie ad un contributo di 5 mila euro che il Comune ha ricevuto dal Ministero dell’Interno nel 2023 per l’arredo urbano.

Sostituite le panchine vandalizzate

«Si spera vengano trattate bene perchè sono patrimonio di tutti - riferisce il sindaco Fulvio Gallenca - Abbiamo sostituito sei panchine in piazza Torino e ne abbiamo aggiunte due nuove nel parco giochi di San Rocco. Nel parco le abbiamo messe più vicine ai giochi per consentire ai genitori di stare in una posizione più idonea a controllare i propri figli mentre giocano. Le panchine di piazza Torino erano state in gran parte danneggiate, per l’uso improprio non potevamo più utilizzarle. C’è stato poi chi le ha dato il colpo di grazia. Anche se abbiamo le telecamere in due diversi punti critici, non siamo riusciti a individuare quest’ultimo gesto vandalico. C’è da dire che l’usura del tempo ha fatto la sua parte. Ormai erano panchine vecchie che andavano cambiate». Sull’arredo pubblico è dunque stato fatto qualche intervento in questi ultimi anni. «Abbiamo pure riqualificato il giardinetto ai piedi del castello- aggiunge Gallenca- Si tratta dello spazio che un tempo era occupato dal cinema Bertolino. Nel 2022 il nostro Comune ha ricevuto un contributo di 10 mila euro sempre da parte del Ministero dell’Interno che è servito a completare la riqualificazione di questo piccolo parco».

Il parco

Una caratteristica di questo giardinetto è il suo parco diffuso. Quasi una moda degli ultimi anni, il parco diffuso emula gli antichi giochi a terra, quelli che i bambini facevano una volta in un’epoca non ancora caratterizzata dalla tecnologia digitale. Nel giardinetto ai piedi del castello c’è un parco diffuso ispirato alla favola di Cenerentola che i bambini apprezzano non solo per la sua valenza ludica e ricreativa ma pure sociale. Questo progetto era stato finanziato dalla Regione Piemonte per dare la possibilità ai bambini del paese di giocare alla vecchia maniera.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali