a torrazza

In stazione, sparite le panchine e le obliteratrici

Anche la panchina è stata rimossa.

In stazione, sparite le panchine e le obliteratrici
Attualità Chivasso, 03 Luglio 2021 ore 00:20

Oggi, il problema che porta alla ribalta il capogruppo di opposizione Marinella Bracco, ormai da mesi ex vicesindaco, è un altro.
«Cosa sta succedendo alla stazione ferroviaria di Torrazza? Le macchine obliteratrici non ci sono più. Anche la panchina è stata rimossa.

Spariscono le obliteratrici

Come fanno gli utenti ad obliterare il loro biglietto? Dove ci si può sedere in attesa del treno?
Atto di vandalismo, ordinaria manutenzione, passaggio a modalità più innovative o si paventa la possibilità della soppressione di questa fermata dei treni? Quest'ultima malaugurata ipotesi aprirebbe scenari catastrofici per lavoratori e studenti pendolari.
E' indispensabile ed urgente capire cosa stia succedendo e quale sarà il futuro della nostra stazione, molto importante per il territorio».

Quale futuro per la stazione?

Ed effettivamente la stazione di Torrazza è molto utile poiché è lungo la linea Torino-Milano.
«Tutti gli utenti hanno diritto ad essere informati e di poterla utilizzare al meglio fosse anche solo sedendosi per attendere il treno. - commenta Bracco - Questi disagi si sommerebbero a quelli attuali, meno gravi ma ugualmente impattanti sullo stress giornaliero-
Inoltre oggi registriamo una maggiore difficoltà di accesso per la nuova viabilità: di questo soffrono soprattutto i pullman dei pendolari che riescono a immettersi nel sottopassaggio per andare a Verolengo solo con accorte manovre. Dunque chiedo risposte».