Attualità
dalla regione

Visite in ospedale, le nuove modalità di ingresso

L'Unità di Crisi e la Direzione dell'Assessorato regionale alla Sanità ha inviato una circolare, in linea con le indicazioni nazionali, per l’accesso nelle strutture.

Visite in ospedale, le nuove modalità di ingresso
Attualità Chivasso, 13 Marzo 2022 ore 05:00

L'Unità di Crisi e la Direzione dell'Assessorato regionale alla Sanità ha inviato alle Aziende sanitarie regionali, agli Enti Gestori dei servizi socio-assistenziali e ai Presìdi socio-assistenziali e socio-sanitari una circolare, in linea con le indicazioni nazionali, per l’accesso dei visitatori nelle strutture della rete ospedaliera e territoriale.

Visite in ospedale, le nuove modalità di ingresso

In particolare è consentito accedere ai reparti per far visita a un proprio caro solo se:

  • in possesso di certificazione verde Covid-19 rafforzata, ovvero rilasciata a seguito della somministrazione della dose di richiamo (booster) successivo al ciclo di vaccinazione primario;
  • in possesso di certificazione verde Covid-19 rilasciata a seguito del completamento del ciclo vaccinale primario o dell’avvenuta guarigione, unitamente a una certificazione che attesti l’esito negativo del test antigenico rapido o molecolare eseguito nelle 48 ore precedenti l’accesso.

Le visite per ogni paziente possono durare fino a 45 minuti al giorno e devono essere distribuite nel tempo.
Per evitare assembramenti, è permesso l’accesso a un solo visitatore alla volta per paziente per un totale di massimo 2 persone esterne nella camera contemporaneamente.

Obbligatoria la FFP2

Per garantire la sicurezza dei degenti e dei loro visitatori, sarà cura degli operatori sanitari presenti in reparto far rispettare alcune regole, ovvero l’utilizzo corretto della mascherina FFP2 e la disinfezione delle mani: in caso di violazioni, saranno costretti ad allontanare i visitatori.
All'ingresso del presidio ai visitatori verrà misurata la temperatura e verrà controllato il green pass.
Ai direttori sanitari è data facoltà di adottare misure più restrittive in relazione allo specifico contesto epidemiologico, garantendo un accesso minimo non inferiore a 45 minuti.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter