Menu
Cerca
FINANZIAMENTO REGIONALE

Voucher vacanze: in Piemonte si paga solo una notte su tre

Fra le mete più gettonate Monferrato e Lago Maggiore.

Voucher vacanze: in Piemonte si paga solo una notte su tre
Attualità Vercellese, 11 Giugno 2021 ore 11:15

Voucher vacanze: la Regione Piemonte mette 1,5 milioni di euro e ne proroga la vendita fino al 31 dicembre 2021. Superata quota 40.000 ticket venduti: tutto esaurito nel Cuneese, e record di richieste per il Monferrato e il Lago Maggiore. Come riporta PrimaTorino.it 

Paghi solo una notte su tre

L'idea del presidente della Regione Alberto Cirio e dell’assessore al Turismo Vittoria Poggio è rimettere in moto uno dei settori più penalizzati dalla pandemia ed esalta la collaborazione tra pubblico e privato. Il Voucher Vacanze del Piemonte ha fatto il pieno: 8 Consorzi su 14 hanno fatto sold-out avendo esaurito la disponibilità dei pacchetti con la formula delle "tre notti al prezzo di una" superando la quota di 40.000 tagliandi venduti. Piaciuta ad imprese ed escursionisti (una notte pagata dall’albergatore e una dalla Regione) l’idea rischiava di non accontentate tutti, per questo la Regione ha deciso di rifinanziare il voucher con 1,5 milioni di euro che si aggiungono ai 5 già stanziati. I voucher saranno acquistabili fino al 31 dicembre 2021 e spendibili entro il 30 giugno 2022. Mediamente il pacchetto corrisponde a 80.000 arrivi in più.

Fra Monferrato e Verbano

Langhe e Monferrato ma anche l’alto Piemonte (soprattutto il Lago Maggiore) le mete più gettonate dove i turisti per lo più lombardi, liguri e piemontesi hanno deciso di soggiornare alcuni giorni: ancora disponibili fino al 30 giugno, anche se agli sgoccioli, quelli del Biellese di Bardonecchia e della Valle Maira, del Canavese e delle Valli di Lanzo.

La fotografia dell’Osservatorio della Federazione dei Consorzi piemontesi conferma, insomma, la riuscita di questa misura attivata l’anno scorso per invogliare i visitatori a trascorre qualche giorno di vacanza in Piemonte dopo il lockdown. Così Cirio e la Poggio:

"I numeri confermano che pubblico e privato possono lavorare insieme dando vita come in questo caso ad un esempio virtuoso che piace ai viaggiatori e agli albergatori. Per questa ragione abbiamo deciso di rifinanziare il Bonus con 1,5 milioni. Questa misura, tra l’altro, è diventata un modello: anche altre regioni stanno infatti prendendo spunto da quello che abbiamo fatto noi per ridare vigore ai flussi turistici. L’intervento è efficace anche dal punto di vista della riscoperta di luoghi a volte sconosciuti che meritano di essere frequentati per la storia e per il paesaggio che portano in dote".

Queste le méte più richieste

Il pacchetto più venduto tra quelli che offrono escursioni e servizi è quello del rafting in Valle Stura (Cuneo), seguito dalla ricerca del tartufo. Ma tra le attività preferite ci sono anche la vendemmia e il bungee-jumping a Veglio (Biella) dove è possibile buttarsi giù dal ponte "Colossus" alto 152 metri agganciati a un elastico: un'esperienza mozzafiato solo per stomaci forti.