a livorno ferraris

Foto-trappole al parco: multe fino a 500 euro per chi sporca

Al via il monitoraggio dell’area verde.

Foto-trappole al parco: multe fino a 500 euro per chi sporca
Vercellese, 26 Settembre 2020 ore 06:37

Foto trappole al parco: multe fino a 500 euro per chi sporca. Al via il monitoraggio dell’area verde del Viale. «Rispetto per la cosa pubblica»

Foto-trappole al parco

Le foto-trappole sono entrate in funzione nel parco giochi di Viale IV novembre. A sorpresa, il sindaco Stefano Corgnati e la sua Giunta hanno scelto la linea dura sfruttando alcuni strumenti in dotazione alla videosorveglianza comunale dopo gli episodi di vandalismo che si sono ripetuti negli ultimi mesi. «Ci sono state ripetute situazioni dove zone del parco sono state lasciate sporche di cartacce, lattine, bottiglie e bottigliette, residui di cibo. A ciò si aggiungono usi impropri dei giochi per bambini da parte di ragazzi di età maggiore», spiega il primo cittadino. Che aggiunge: «Rispetto del parco e delle sue funzioni, pulizia e attenzione all’uso delle attrezzature sono elementi base di convivenza civile e rispetto della cosa pubblica: quando, per effetto del comportamento maleducato di pochi, si creano disagi ai tanti frequentatori del parco, in primis ai bimbi, allora occorre intervenire con azioni di controllo e sanzionatorie». Per questo, chi non ha rispetto della cosa pubblica, verrà pesantemente sanzionato  a seconda della tipologia di atto contro il bene pubblico, dall’abbandono di rifiuti fino al danneggiamento grave di strutture pubbliche, con multe che potranno variare da 50 a oltre 500 euro. Il problema, seppur più circoscritto in termini di intensità, riguarda anche l’area verde di Via Luigi Einaudi e quello in Corso Aosta e per questo il Comune ha deciso di  intervenire a rotazione per presidiare con le foto-trappole anche queste zone di gioco allestite per i più piccoli.

Operazioni di monitoraggio

Quanto alle foto-trappole, rivela il sindaco Corgnati, «sono già state impiegate sia in operazioni di monitoraggio urbano che in attività di controllo extra-urbano, tra cui il presidio di zone della campagna considerate critiche per l’abbandono dei rifiuti». In periodo di lock-down, le fototrappole sono state inoltre usate ad monotorare il flusso di veicoli nelle arterie del paese, permettendo così di verificare puntualmente i passaggi di persone e veicoli. Quanto al parco giochi di viale IV novembre, il primo cittadino annuncia un altro restyling: «Riprogetteremo tutta l’area ed un percorso che avrà inizio con il lancio di un concorso di idee per la realizzazione di un nuovo parco che interpreti in chiave moderna gli spazi del parco stesso, con aree ampliate per il posizionamento dei giochi e punti di sosta per i genitori».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità