A VEROLENGO

Amianto, CasaPound: «Siamo pronti all’esposto alla Procura»

Il movimento risolleva la questione di via Aldo Moro.

Amianto, CasaPound: «Siamo pronti all’esposto alla Procura»
Chivasso, 29 Settembre 2020 ore 15:18

Amianto all’ex ditta Nicoletta di Verolengo. CasaPound torna sul caso e spiega: «Siamo pronti all’esposto alla Procura della Repubblica».

Amianto all’ex ditta Nicoletta

Un mese fa due esponenti di CasaPound Erika Milani e Domenico Giraulo, attraverso il loro legale, avevano inviato una diffida al Comune di Verolengo chiedendo l’immediata rimozione e lo smaltimento delle lastre di amianto presenti in Via Aldo Moro.

«Siamo pronti all’esposto alla Procura»

Dopo un mese, l’amianto è ancora lì e CasaPound torna sul problema: «Come previsto, dopo circa un mese, poco è cambiato. – spiega CasaPound – L’Amministrazione comunale, in esito alla nostra diffida, ha indicato che redigerà un’apposita ordinanza sindacale con cui richiedere formalmente alla procedura fallimentare di bonificare il sito. Un primo risultato ottenuto che tuttavia rischia di non risolvere il problema, almeno nell’immediato. Il Curatore Fallimentare della ditta Nicoletta S.N.C. ha di fatto confermato ai nostri legali di non avere fondi per rimuovere l’amianto e che detta informazione era ben nota al comune di Verolengo, stupendosi anzi del fatto che proprio il Comune continui ad addossare alla procedura fallimentare la mancata rimozione dell’amianto. Il Curatore precisa anche che ha sempre manifestato il consenso a qualsiasi tipo di accesso ma non ha ricevuto alcuna richiesta in tal senso dal Comune di Verolengo né dagli altri soggetti. Il Comune invece asserisce che non è stato possibile effettuare i sopralluoghi da parte del personale specializzato dell’Arpa, proprio per la presenza della procedura fallimentare. Sta di fatto che il Comune di Verolengo pensa ancora di poter cavare sangue da una rapa e sembra non comprendere che è del tutto inutile continuare ad insistere sulla Ex Ditta Nicoletta. Abbiamo quindi richiesto di indicare la disponibilità o meno da parte dell’amministrazione di mettere a bilancio, di concerto anche la Regione, le somme necessarie almeno per mettere in sicurezza il sito, cosi da responsabilizzare il Comune nei confronti della cittadinanza e dei residenti di via Aldo Moro. Se pensano di metterci a tacere così si sbagliano di grosso – conclude il movimento – la nostra battaglia è appena all’inizio, finché la salute dei verolenghesi sarà a rischio, finché ci sarà anche solo un centimetro di amianto in quella zona, noi non ci fermeremo. Il prossimo passo sarà l’esposto alla Procura della Repubblica».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità