Anziana truffata: le rubano la collezione di monete antiche

Il malfattore: «Mi consegni i preziosi o la sua casa esploderà».

Anziana truffata: le rubano la collezione di monete antiche
Chivasso, 08 Febbraio 2020 ore 05:14

Truffa a Casalborgone nella mattinata di martedì 4 febbraio.  Un copione già visto, ma che molte volte anzi troppe, miete delle vittime.

Anziana truffata, i fatti

Un uomo ha suonato alla porta dell’abitazione di un’anziana donna a Casalborgone. La donna apre e lui si qualifica come tecnico del gas. Con fare astuto il falso tecnico ha subito messo in guardia la donna sul pericolo a cui stava andando incontro: «Signora deve fare molta attenzione lei è in pericolo. Se apre il rubinetto uscirà del gas e il suo oro sarà danneggiato. Mi dia il suo oro che lo controllo ed eventualmente lo metteremo al sicuro. Inoltre, la sua abitazione rischia di esplodere in questo modo».
A quel punto l’anziana consegna al truffatore la sua collezione di monete antiche e qualche gioiello.
L’uomo a quel punto ha ottenuto ciò che voleva e con una scusa di allontana dall’abitazione a bordo di una Golf scura.
La donna è incredula per quanto accaduto e dopo aver riflettuto su quanto accaduto si rende conto di essere stata vittima di un raggiro.

La denuncia

La vittima poco dopo decide di recarsi presso la Caserma dei Carabinieri di Casalbogone per sporgere denuncia. A quel punto è caccia alla Golf scura e all’allerta è alta.
Chiunque vedesse un’automobile come quella indicata è pregato di segnalarlo alle forze dell’ordine.

I consigli utili contro le truffe

Inoltre l’invito è quello di non aprire la porta di casa agli estranei e in caso in cui ci si trovasse davanti ad una persona o a una situazione sospetta è indispensabile segnaliamo tempestivamente.
Infatti, solo in questo modo le forze dell’ordine potranno entrare in azione ed eventualmente fermare i truffatori.
In più occasioni Carabinieri e Polizia municipale hanno sottolineato l’importanza di essere prudenti e di contattare nell’immediato, con una telefonata i numeri di soccorso.
E’ infatti già capitato numerose volte che le vittime di truffe e raggiri non avessero reso nota la situazione di pericolo dinnanzi a cui si sono trovati per un senso di vergogna.
Inoltre è fondamentale non firmare alcun documento che viene presentato da incaricati che suonano alla porta ed è necessario, in questi casi, confrontarsi sempre con persone di fiducia.
Nel caso in cui si abbiano dei sospetti o c’è qualche particolare che non convince, è fondamentale telefonate all’ufficio di zona dell’Ente e verificate la veridicità dei controlli da effettuare. Attenzione a non chiamare utenze telefoniche fornite dagli interessati perché dall’altra parte potrebbe esserci un complice. In molti paesi sono stati attivati degli incontri con tra cittadinanza, Amministrazione Comunale e Forze dell’Ordine al fine di tenere alta la guardia nei confronti di truffatori che spesso agiscono proprio nella casa delle loro vittime. Quello che dovrebbe essere il luogo più sicuro per ognuno di noi si trasforma quindi nel luogo in lui i truffatori agiscono più a loro agio e spesso portandosi via un bel bottino tra denaro e preziosi.

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei