Arrestati i “maghi” del furto nei parcheggi dei supermercati, ecco come agivano in tutta la provincia

Fermati due peruviani e un cubano. L'ultimo colpo lo hanno commesso nella periferia di Torino

Arrestati i “maghi” del furto nei parcheggi dei supermercati, ecco come agivano in tutta la provincia
Cronaca 20 Luglio 2016 ore 11:55

Fermati due peruviani e un cubano. L’ultimo colpo lo hanno commesso nella periferia di Torino

Quelli che si consumano nei supermercati sono tra i furti tipici che si consumano sul nostro territorio, tanto che sulle scrivanie delle caserme dei carabinieri (e anche sulle bacheche dei social) si susseguono quasi quotidianamente storie di questo genere. Succede a Settimo, a Chivasso, così come nelle aree parcheggio dei centri commericali di qualsiasi altro comune della nostra zona. Si tratta del classico furto commesso ai danni di ignari avventori che, dopo la spesa, si apprestano a caricare la spesa. Gli investigatori dell’Arma lo sanno e lavorano per contrastare questo tipo di microcriminalità.

Hanno messo a segno una decina di furti in un giorno. Lo hanno scoperto i carabinieri della Stazione Torino La Falchera che sono riusciti a identificare e denunciare due  peruviani e un cubano, tra i 28 e 54 anni, abitanti a Torino, ritenuti responsabili di furto. Uno di loro distraeva le vittime, impegnate  a caricare la spesa nel bagaglio della macchina, un altro da dietro sfilava la borsa dall’abitacolo e poi fuggivano in macchina dove c’era ad attenderli un terzo complice.   L’ultimo colpo accertato è avvenuto al Supermercato Metro di via Paolo Veronese a Torino. La banda è stata identificata grazie alle telecamere di sorveglianza del supermercato. Fermati subito dopo l’ultimo colpo, i tre ladri non hanno opposto resistenza e i carabinieri hanno trovato nella loro macchina 5 borse, diversi cellulari e denaro contante. La banda è ritenuta responsabile di decine di furti in tutta la provincia di Torino. Adesso, quindi, inizia il lavoro più lungo per gli investigatori: verificare se è possibile attribuire ai tre componenti della banda altri episodi di furto consumati in tutto il territorio della prima cintura del capoluogo. 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità