Cronaca

Arrivati all'Abbazia di Santa Fede 70 ucraini

Donne e bambini hanno fatto un viaggio di

Arrivati all'Abbazia di Santa Fede 70 ucraini
Cronaca Chivasso, 16 Marzo 2022 ore 14:17

Questa notte, mercoledì 16 marzo 2022, alle 4, presso l’Abbazia di Santa Fede di Cavagnolo, sono arrivati 70 rifugiati provenienti dall’Ucraina.

Arrivati all'Abbazia di Santa Fede 70 ucraini

Le 70 persone giunte a Santa Fede hanno affrontato una lunga permanenza al confine ucraino prima di essere autorizzati a uscire dal paese e viaggiare in autobus per oltre 30 ore. Alcuni avevano con sé solo sacchi della spesa, la maggior parte un solo bagaglio.
Sono mamme, bambini, anziani, gli uomini possono lasciare il paese solo se hanno compiuto i 65 anni. Una famiglia si prende cura della nonna molto spaesata e visibilmente provata, un anziano signore, non vedente e diabetico, attende di essere visitato dal medico, ci sono stanze preparate per tutti, ma all’ultimo bisogna risolvere i problemi che l’emergenza comporta.

I volontari sempre attivi a Santa Fede

Da più di una settimana presso l’Abbazia i volontari accolgono i profughi, alcuni arrivano già annunciati, in pullman che partono dal confine ucraino, altri sono accompagnati da persone che magari li possono ospitare in emergenza, ma che non sono in grado di offrire abiti, cibo e assistenza, altri ancora bussano alla porta perché hanno saputo che all’Abbazia troveranno aiuto.
Il sindaco di Cavagnolo, Andrea Gavazza in collaborazione con Suor Silvana Moncalvo della Comunità Siloe e Rachel's Learning Centre si stanno attivando per ottenere dalla Prefettura di Torino le suddette procedure burocratiche:
operazioni anagrafiche e reperire le collocazioni di prima accoglienza mediante la rete dei centri CAS (centro di accoglienza straordinaria) e la rete SAI (sistema accoglienza integrazione).
Mentre l’Abbazia è un luogo di accoglienza temporanea, le istituzioni, in particolare quelle di Cavagnolo, si stanno mobilitando per un'accoglienza a lungo termine.

"Grazie al grande aiuto dei volontari i profughi ricevono cibo e abiti puliti e i bambini trovano uno spazio per attività scolastiche, giochi e tutto quello che occorre per dimenticare, anche se per poco, gli orrori della guerra. Inoltre, è stato anche offerto gratuitamente per due mesi un capannone industriale in Cavagnolo, dove si stanno raccogliendo tutte le donazioni di prima necessità (non il cibo) che verranno via via organizzate, pulite e poi donate a chi ne abbia bisogno.  - dicono dall'Abbazia -  Il progetto della Comunità Siloe e Rachel’s Learning Centre continuerà ad assistere e proteggere tutti coloro che ne avranno bisogno. Vorremmo ringraziare l'amministrazione comunale nella persona del sindaco Andrea Gavazza, la protezione civile di Cavagnolo, tutti i volontari, gli sponsor e i donatori per il loro enorme sforzo e generosità senza il quale non saremmo in grado di operare. Per donazioni di ogni genere, o per fare volontariato, si prega di andare su: www.rachelslearningcentre.eu o www.comunitasiloe.org e unirsi direttamente ai gruppi WhatsApp.
È possibile donare con PAYPAL o tramite bonifico bancario sul sito comunitasiloe.org".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter