Botti illegali, un arresto e sei denunce IL VIDEO

Si tratta di diverse operazioni sul territorio della provincia di Torino.

Botti illegali, un arresto e sei denunce IL VIDEO
Torino, 07 Dicembre 2019 ore 09:12

Botti illegali, un arresto e sei denunce da parte dei carabinieri. Si tratta di diverse operazioni sul territorio della provincia di Torino.

Botti illegali

I carabinieri della stazione di Cuorgnè, durante un servizio preventivo, hanno trovato in un appartamento manufatti esplosivi privi di qualsiasi etichettatura o simbolo identificativo, per un peso complessivo di 2, 287 kg, nascosti in un armadio, in assenza di qualsiasi minima misura di sicurezza. In particolare 2 artifizi esplosivi lunghi cm 11 e diametro cm 3,5, 1 artifizio esplosivo lungo cm 10 e diametro cm 8, 1 artifizio esplosivo lungo cm 13 e diametro cm 6 e 1 artifizio esplosivo lungo cm 15 largo cm 12 e spesso cm 8, tutti dotati di miccia. Sul posto sono intervenuti gli artificieri del Comando provinciale carabinieri di Torino che hanno sequestrato il materiale esplodente per la campionatura e la successiva distruzione. Un italiano di 42 anni, privo di licenza per la vendita, è stato arrestato per detenzione di materiale esplosivo.

Altro controllo

Pochi giorni fa, i Carabinieri di Venaria Reale, in collaborazione con i colleghi del Nucleo Artificieri Antisabotaggio di Torino, a seguito di un mirato servizio di controllo del territorio, hanno denunciato 6 persone responsabili, a vario titolo, per detenzione abusiva di materiale esplodente e ricettazione e sequestrati 133 kg di giochi pirotecnici. L’operazione è nata dal monitoraggio dei mercati rionali, dove in prossimità delle festività natalizie alcuni commercianti vendono anche fuochi d’artificio.I carabinieri hanno individuato una famiglia di Venaria, padre, figlia e genero, di origine napoletana, che vende frutta e verdura al mercato, ma è sospettata di vendere anche artifizi pirotecnici in questo periodo dell’anno. Il sospetto è diventato certezza, quando E.E., 60enne, con precedenti penali, e un complice, sono andati al mercato rionale torinese di corso Nizza, e hanno consegnato a un ambulante, un 37enne, con precedenti penali, 48 kg di giochi pirotecnici.I carabinieri sono intervenuti per bloccare i venditori e gli acquirenti e nel bagagliaio dei primi hanno trovato 77 kg di fuochi d’artificio. Contemporaneamente altri due famigliari, figlia e genero, di E.E., a bordo di un furgone, sono stati fermati mentre vendevano 48 kg a una casalinga in di Venaria Reale. È stato accertato che la vendita era priva di qualsiasi autorizzazione di polizia e il materiale esplodente era detenuto senza alcun minimo requisito di sicurezza. I due clienti sono stati denunciati alla Procura di Torino per ricettazione, mentre i 4 “venditori” dovranno rispondere di detenzione e vendita abusiva di materiale esplodente. I giochi pirotecnici, sottoposti a sequestro e messi in sicurezza dagli esperti carabinieri Artificieri di Torino, dopo le analisi di laboratorio, per capirne l’origine e la composizione chimica, saranno distrutti.

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DE LA NUOVA PERIFERIA

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale La Nuova Periferia: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

 

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei