Cronaca
Covid19

Il Piemonte è in zona rossa LE FAQ DEL GOVERNO

Dai parchi ai bar e ristoranti, dai parrucchieri ai negozi: ecco cosa cambia.

Il Piemonte è in zona rossa LE FAQ DEL GOVERNO
Cronaca Chivasso, 14 Marzo 2021 ore 18:59

Il Piemonte è in zona rossa. Ecco cosa sarà ancora possibile fare, cosa invece sarà vietato e dunque sanzionato in caso di controllo.

Piemonte in zona rossa

Tutto il Piemonte sarà in zona rossa. A renderlo ufficiale è stato l'assessore alla sanità piemontese Icardi giovedì 11 marzo 2021 mentre la comunicazione regionale è arrivata il giorno successivo, cioè venerdì 12 marzo 2021.

Ad anticiparlo anche lo stesso presidente sella regione Alberto Cirio in occasione della visita a Cuneo per la programmazione dei fondi europei 2021-2027 e sul Recovery Plan. Il valore di Rt, il fattore di contagiosità, Rt, è schizzato a 1,41, come comunicato dall’Iss. La soglia per questo valore è 1,25, dopodiché si è in zona rossa. L’incidenza media regionale è a 279 su 100.000 abitanti e qui il limite è 250.
Aumentati anche i focolai e la percentuale di tamponi positivi.

Misure restrittive

Diventa quindi fondamentale intervenire subito come dichiarato dall'assessore regionale alla sanità Luigi Icardi nel corso di un'intervista radiofonica:

Le misure più restrittive servono a ridurre i contagi e ad evitare di arrivare di nuovo agli oltre 5 mila ricoveri che abbiamo avuto in passato. L'unica cosa da fare è stringere e adottare misure più rigorose per evitare i contagi, tenendo conto che questa è una variante molto più contagiosa.

Fino a Pasqua

Un provvedimento che sarà valido sino a Pasqua, cioè quando l'intera penisola sarà in zona rossa come deciso di Premier Mario Draghi con il suo secondo provvedimento, cioè il Decreto Legge di venerdì 12 marzo 2021.

La zona rossa

Ecco cosa si può fare e non si può fare in ZONA ROSSA:

Spostamenti

  • È vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dai territori dei comuni, nonché all’interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute.
  • È sempre consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.
  • Non sono consentiti gli spostamenti verso altre abitazioni private.
  • Scarica il modello di autodichiarazione per gli spostamenti.

Sport

  • È consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione con distanziamento e indossando la mascherina
  • È consentito lo svolgimento di attività sportiva esclusivamente all'aperto e in forma individuale
  • Sono sospese le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali
  • È sospesa l'attività motoria e sportiva di base in centri e circoli sportivi pubblici e privati anche se svolta all’aperto
  • Sono altresì sospesi tutti gli eventi e le competizioni organizzati dagli enti di promozione sportiva.

Cultura

  • Musei, biblioteche, istituti, luoghi della cultura e spettacoli aperti al pubblico
  • Sono sospesi le mostre e i servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura, ad eccezione delle biblioteche dove i relativi servizi sono offerti su prenotazione e degli archivi, fermo restando il rispetto delle misure di contenimento dell'emergenza epidemica
  • Sono sospesi gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri locali o spazi anche all’aperto.

Scuola e Università

  • Sono sospese le attività dei servizi educativi dell’infanzia
  • Sono sospese le attività scolastiche e didattiche delle scuole di ogni ordine e grado che si svolgono esclusivamente con modalità a distanza
  • È sospesa la frequenza delle attività formative e curriculari delle università e delle istituzioni di alta formazione artistica musicale e coreutica

Attività commerciali

  • Sono sospese le attività commerciali al dettaglio, ad esclusione della vendita di generi alimentari e di prima necessità, sia negli esercizi di vicinato sia nelle medie e grandi strutture di vendita, compresi i centri commerciali, ferme restando le chiusure nei giorni festivi e prefestivi.
  • Sono chiusi i mercati, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, tranne le attività con vendita di soli generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici
  • Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie e le parafarmacie.

Ristorazione

  • Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie)
  • Consentito l'asporto fino alle 22.00, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze
  • L'asporto è consentito fino alle 18.00 per gli esercizi con attività prevalente di bar senza cucina (e altri esercizi simili - codice ATECO 56.3) o commercio al dettaglio di bevande (codice ATECO 47.25)
  • E' consentita la consegna a domicilio senza limiti di orari

Servizi alla persona

  • Sono sospesi tutti i servizi alla persona ad eccezione di: lavanderie industriali, lavanderie e pulitura di articoli tessili e pelliccia, tintorie, servizi di pompe funebri e attività connesse.
  • Barbieri e parrucchieri saranno chiusi

Le Faq

Intanto sul sito del Governo è possibile con consultare le domande che più frequentemente vengono proposte così da risolvere il proprio giallo. Per leggerle basta andare cliccare su Domande frequenti sulle misure adottate dal Governo.