Cronaca
chivasso

Cimiteri: le tombe storiche cadono a pezzi

Di lavoro da fare ce n’è ancora molto.

Cimiteri: le tombe storiche cadono a pezzi
Cronaca Chivasso, 31 Ottobre 2021 ore 06:03

Se in quello di Castelrosso non si registrano particolari criticità, negli altri tre cimiteri cittadini (via Favorita, Boschetto e Mandria) di lavoro da fare ce n’è ancora molto.

Chivasso, via Favorita

Dallo scorso anno, nonostante il lavoro di pulizia svolto soprattutto in questi ultimi giorni, le tombe storiche e il «Famedio» restano il punto debole del cimitero di Chivasso.
Se la tomba di Enrico Mazzucchelli è in una situazione peggiore di quella in cui versava lo scorso anno, le famiglie Gancia, Nazzaro e Cosola non devono almeno più fare i conti con le sterpaglie. In condizioni fatiscenti, invece, la tomba dell’insigne benefattore Giacomo Lancini, morto nel 1878, che «per 48 anni resse la parrocchia di questa città» donando poi tutti i suoi beni all’asilo infantile.
In stato d’abbandono anche molte altre tombe «storiche», tra alberi caduti (ancora a terra), croci spezzate e marmi in equilibrio ormai precario.
Nel famedio spiccano i pezzi di intonaco mancanti (già segnalati un anno fa), mentre nei pressi della lapide che ricorda i soldati polacchi morti alla Mandria a far da padrone sono decine (se non centinaia) di piccioni.

Frazione Boschetto

Il cimitero di frazione Boschetto raggiunge la sufficienza, anche se per raggiungere l’ingresso sud si deve percorrere un tratto pieno di rifiuti, lungo un muro scrostato e con bottiglie di vino e birra incastrate tra i mattoni.

Frazione Mandria

La piccola area sacra ad est della Tenuta avrebbe bisogno di un intervento di manutenzione nelle parti comuni. Intonaco a pezzi, bagno praticamente impossibile da utilizzare, isolanti che hanno visto tempi migliori.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter