Cinghiali vicino alle case E' EMERGENZA

Le parole dell'assessore comunale Matta.

Cinghiali vicino alle case E' EMERGENZA
Chivasso, 23 Giugno 2018 ore 06:34

Cinghiali vicino alle case di Verolengo e Torrazza. Nei giorni scorsi sono stati avvistati. Un problema confermato anche dall'assessore Matta.

Cinghiali vicino alle case

Emergenza cinghiali. Un problema che da troppi anni assilla il nostro territorio, che da troppi anni si discute ai tavoli alti degli enti ma al quale nessuno, purtroppo, ha ancora trovato risposta. Un problema che continua a cagionare incidenti, e a volte anche gravi. Non è caso isolato quanto accaduto venerdì scorso, ovvero un automobilista si è visto tagliare la strada da un f cinghiale. Lungo la strada di campagna che da Arborea porta a Torrazza, dove per altro sono presenti diverse abitazioni, un uomo nella tarda serata di venerdì ha proprio visto un ungulato correre da un campo all’altro attraversando la strada.

Cinghiali tagliano strada tra Torrazza e Rondissone

La denuncia

«La situazione è veramente drammatica - racconta l’assessore comunale Tiziano Matta - E’ un problema evidente di cui ho parlato proprio venerdì a Torino con Coldiretti durante l’inaugurazione del loro evento. Ho chiesto un consiglio visto che al momento la competenza della fauna è nella mani della Città Metropolitana. Mi hanno consigliato di preparare un documento e poi di inviarlo all’ente per far presente il problema. Hanno spiegato di individuare le aree dove ci sono stati gli avvistamenti».

Ungulati nelle zone residenziali

«Anche vicino alle abitazioni - spiega Matta - Ad esempio vicino a piazza Leonardo Da Vinci - Lì, a pochi metri dalle case sono arrivati. E’ una situazione veramente pericolosa che la Città Metropolitana deve comprendere. Spero che con questo documento che sta preparando il nostro comandante dei vigili Franco Lomater si faccia qualcosa. Questo ente, infatti, può prevedere battute di caccia per ridurre questa presenza. Ma bisogna comprendere se c’è la volontà da parte di Città Metropolitana di intervenire o se invece preferisce far altro. Io al momento l’unica cosa che posso fare è accompagnare coloro che segnalano il problema a casa del vicesindaco metropolitano visto che vive a pochi chilometri da noi».