Citofonavano al pusher, carabinieri chiudono centrale dello spaccio

Arresti anche a Volpiano.

Citofonavano al pusher, carabinieri chiudono centrale dello spaccio
Torino, 13 Febbraio 2020 ore 10:42

Pedinando alcuni acquirenti di sostanze stupefacenti, i carabinieri della stazione San Salvario hanno individuato una centrale di spaccio in via Donizetti 12 a Torino.

Chiusa centrale dello spaccio

Un italiano di 19 anni e la fidanzata di 18 anni gestivano la vendita al dettaglio di marijuana e hashish. Il ragazzo è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di droga, mentre la sua fidanzata è stata denunciata.

I fatti

Prima di salire a casa dello spacciatore, i clienti dovevano citofonare altrimenti nessuno gli avrebbe aperto la porta. I carabinieri sono riusciti a entrare nella centrale di spaccio approfittando dell’arrivo di un cliente.
La perquisizione ha permesso di sequestrare oltre 420 g, tra marijuana e hashish, due coltelli utilizzati per spezzare l’hashish, sei trita erba perla marijuana, un bilancino di precisione e oltre 1000 € in contanti.
Il cliente è stato perquisito e nelle sue tasche i carabinieri hanno trovato quasi 9 g di marijuana. Quest’ultimo è stato segnalato alla prefettura.

Un’altra operazione

In un’altra operazione antidroga a Volpiano, i carabinieri di Leini hanno arrestato un operaio di 29 anni per detenzione ai fini di spaccio di oltre 500 g tra marijuana e metanfetamina. Successivamente in un magazzino a Volpiano, in uso al pusher e a un sinti di 29 anni , i carabinieri hanno sequestrato refurtiva varia, tre radio trasmittenti e centinaia di lettere numeri adesivi utilizzati per alterare le targhe delle autovetture. Per entrambi è scatta una denuncia per ricettazione.
Sempre a Volpiano, i carabinieri hanno arrestato un altro spacciatore italiano di 47 anni che nascondeva in casa circa 50 grammi, tra cocaina e crack, e 1450 euro in contanti