IL FATTO

Code interminabili davanti agli uffici postali di Chivasso

La rabbia dei residenti costrette a ore di attesa.

Code interminabili davanti agli uffici postali di Chivasso
Chivasso, 06 Giugno 2020 ore 09:32

Lunghe code fuori dagli uffici postali di Chivasso. Sia in via Dante che in viale Matteotti si possono notare lunghe code di cittadini che attendono di entrare negli uffici postali.

Lunghe code fuori dagli uffici postali

La rabbia de cittadini per le lunghe attese fuori dagli uffici postali. Infatti sia in  via Dante che in viale Matteotti al mattino si possono notare lunghe code di persone che si devono recare in posta. Si tratta di una situazione che nel corso della settimana si è verificata più di una volta, ma l’apice è stato raggiunto ieri, venerdì 5 giugno quando l’attesa è durata oltre due ore.

L’attesa

I cittadini infatti si mettono in coda e tra di loro ovviamente ci sono anche persone anziane e bambini. Un’attesa estenuante e interminabile. Inoltre, non sono previste delle corsie diversificate a seconda dell’operazione da effettuare, ma una sola e unica fila di persone. Inoltre non esiste la possibilità di poter utilizzare il classico numero per poter attestare l’ordine con cui entrare e quindi eventualmente allontanarsi anche solo per qualche minuto dalla coda. Quindi, tutti in fila per ore e man mano che passa il tempo c’è anche chi accusa dei mancamenti e quindi è costretto a sedersi.

La rabbia dei cittadini

Una situazione che viene considerata inaccettabile dai chivassesi che chiedono anche che l’ufficio  via Dante torni ad osservare l’orario di sempre in modo da evitare così la situazione di questi giorni. Ieri, infine a far crescere ancora di più il mal contento è stato il fatto che, a detta di alcune persone in coda in via Dante, alle 13.35 l’ufficio postale ha terminato l’orario di apertura e coloro che erano ancora in coda a quell’ora sono stati mandati via. Insomma oltre il danno anche la beffa.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità