Cronaca
IL CASO

Condannato a tre anni il rapper per le botte e le minacce alla fidanzata

L'artista stava già scontando nel carcere di Rebibbia una condanna per rapina.

Condannato a tre anni il rapper per le botte e le minacce alla fidanzata
Cronaca 19 Settembre 2021 ore 09:12

Il rapper Traffik è stato condannato a tre anni di carcere per le botte e le minacce che aveva rivolto alla sua fidanzata di Romentino.

Condannato a 3 anni il rapper Traffik

Il tribunale di Novara ha condannato a 3 anni e 2 mesi di carcere il 25enne Giancarlo Fagà, meglio noto alle cronache con il suo nome d'arte, Traffik. Il nome del giovane rapper romano era diventato noto per via del suo arresto a Novara dopo che la sua fidanzata, un'influencer residente a Romentino, lo aveva denunciato per maltrattamenti. Nel 2019 era già stato arrestato assieme a un altro rapper, Gallagher, per una rapina ai danni di alcuni loro fans, e per questo si trova nel carcere romano di Rebibbia. Nell'ottobre del 2020 aveva trovato il modo da Roma di spostarsi in Piemonte per cercare la fidanzata. Era finito in caserma, dove aveva rimediato una denuncia per oltraggio per avere insultato i militari. Uscito dalla caserma aveva pubblicato sui social altri insulti all'Arma e poi, non trovando la giovane all'ospedale di Novara - dove l'aveva cercata - si era recato a casa sua, e qui la madre della ragazza aveva chiamato i carabinieri per fermarlo.

Le testimonianze

Al processo la giovane e sua madre hanno testimoniato, spiegando come già in passato il rapper aveva avuto dei comportamenti violenti nei loro confronti, arrivando oltre alle botte, anche alle minacce di morte. Fagà, assistito dal legale Enrico Faragona, ha negato ogni addebito, ma il tribunale ha deciso diversamente.