Menu
Cerca
la decisione del governo

Da oggi siamo in Zona Rossa, ecco cosa si può fare e cosa invece no

Nelle feste natalizie scatta il lockdown.

Da oggi siamo in Zona Rossa, ecco cosa si può fare e cosa invece no
Cronaca Chivasso, 24 Dicembre 2020 ore 10:36

L’Italia, tutta, si deve rassegnare a un Natale che giocoforza sarà necessariamente diverso da quelli che abbiamo vissuto finora. Diverso perché, a causa della pandemia, scatta un vero e proprio lockdown nei giorni festivi e prefestivi.

Lockdown a Natale

Entriamo nel merito per capire cosa si può fare e cosa no durante il periodo natalizio.  Intanto da oggi, giovedì 24 dicembre al 6 gennaio i giorni di zona rossa saranno 10, mentre 4 quelli arancioni. Rossi il 24, 25, 26, 27 e 31 dicembre e poi 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio. Arancioni 28, 29, 30 dicembre e 4 gennaio. Dal 21 al 6 gennaio sono vietati gli spostamenti fra Regioni. Poi dal 7 gennaio, se non si verifica una nuova impennata di contagi, l’Italia dovrebbe tornare in zona gialla.

Zona Rossa

Spostamenti
Sono vietati tutti, anche all’interno del proprio comune, se non per motivi di necessità, lavoro o urgenza. E’ consentito lo spostamento verso le abitazioni private, però una sola volta al giorno nell’arco della fascia oraria tra le 5 del mattino e le 22. Verso una sola abitazione che si trova nella stessa Regione, e nei limiti di due persone ulteriori rispetto a quelle già conviventi, oltre ai minori di anni 14 e le persone disabili o non autosufficienti conviventi. Secondo il Decreto, per quanto riguarda lo spostamento verso le seconde case, questo – secondo le interpretazioni – è concesso dal 21 dicembre e fino al 6 gennaio ma sempre all’interno dei confini della stessa Regione.

Bar e ristoranti
Per quanto riguarda bar e ristoranti sono sospese le attività dei servizi di ristorazione, non c’è però restrizione per l’asporto e la consegna a domicilio. L’asporto è consentito fino alle 22.
Attività commerciali al dettaglio e mercati
Sono sospese le attività commerciali al dettaglio, ad eccezione delle attività di vendita di generi alimentari di prima necessità. Restano aperte anche edicole, tabaccai, farmacie, parafarmacie, lavanderia, parrucchieri e barbieri mentre sono chiusi i centri estetici.

Sport
Per quanto riguarda gli sport sono sospese le attività nei centri sportivi resta consentito svolgere attività motoria nei pressi della propria abitazione e attività sportiva solo all’aperto e obbligatoriamente in forma individuale.

Zona arancione

Spostamenti
Per quanto riguarda gli spostamenti divieto di circolazione dalle 22 alle 5 del mattino del giorno successivo. E’ vietato ogni spostamento in entrata e in uscita da una regione all’altra da un comune all’altro salvo che per gli spostamenti motivati e comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o per motivi di salute.
Sono invece consentiti spostamenti dai comuni con una popolazione non superiore ai 5000 abitanti in un raggio di 30 km ad eccezione dei capoluoghi di provincia che non si possono però raggiungere.

Ristorazione e bar

Restano sospese le attività di bar, pub, gelaterie e pasticcerie. Non ci sono invece restrizioni per la ristorazione con consegna domicilio e d’asporto fino alle 22.
Attività commerciali al dettaglio e mercati.
Restano aperti tutti i negozi.

Viaggi all’estero

Si può andare all’estero. Però fino al 15 gennaio per rientrare da uno dei paesi europei è necessario fare un tampone nelle 48 ore precedenti e dal 21 dicembre fino al 6 gennaio è prevista un’altra stretta, ovvero tutti coloro che tornano da un viaggio all’estero dovranno osservare una quarantena di 14 giorni.

Messe

Per quanto riguarda le Messe possono essere celebrate in presenza nel periodo natalizio.
Per parteciparvi basta l’autocertificazione e il rispetto delle norme sui distanziamenti e l’uso della mascherina. La Messa di Natale, nel rispetto del coprifuoco, dovrà concludersi entro le ore 22.