Da San Mauro al Bangladesh, l’avventura del giornalista Luca Schilirò – IL QUARTO VIDEO

La quarta puntata del docufilm realizzato in Bangladesh dal giornalista sanmaurese.

Settimo, 23 Aprile 2019 ore 12:21

Da San Mauro al Bangladesh, l’avventura del giornalista Luca Schilirò. La quarta puntata del docufilm realizzato in Bangladesh dal giornalista sanmaurese.

Le migrazioni

La quarta puntata del documentario affronta il tema delle migrazioni. Viaggi disperati alla conquista del sogno di un futuro migliore, in Occidente, in Europa. Il dramma dell’arrivo in Libia, nelle guerre e nei campi che diventano prigioni, prima di riuscire ad approvare sulle coste italiane e ripartire.

I tanti paradossi

Nel video, l’intervista a chi, in Italia, è riuscito ad arrivare e a trovare lavoro. Stipendi che vanno quasi interamente alle proprie famiglie in Bangladesh. E alla domanda: “Come mai sorridete sempre?”, la risposta spontanea degli intervistati scalda il cuore e riapre una speranza di umanità: “Siamo tutti amici.

Da San Mauro al Bangladesh

Dal giornalismo locale al giornalismo nel mondo. La storia di Luca Schilirò, 28 anni, parte dalle strade di San Mauro, quando – fino ad alcuni anni fa – le percorreva in cerca di notizie e di storie da raccontare, e prosegue tra i villaggi rurali del Bangladesh. Insieme alla sua telecamera ha vinto il bando Frame Voice Report, finanziato dalla Comunità Europea, dalla Regione Piemonte e dall’Ordine dei Giornalisti, e promosso dal Consorzio delle Ong Piemontesi. Un’esperienza che ha cambiato il suo modo di approcciarsi alla vita e di analizzare la realtà che lo circonda. Una realtà in cui, oggi, fa fatica a riconoscersi, dominata da discussioni sul ddl Sicurezza e sui Porti Chiusi. Nel video allegato il trailer del documentario che il sanmaurese Luca Schilirò ha girato in Bangladesh. Nelle prossime settimane seguiranno alcune “pillole” che continueranno a raccontare la sua esperienza all’estero.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità