Dalla Collina si può andare a Chivasso per fare la spesa IL VIDEO

I sindaci del territorio condividono la stessa interpretazione del nuovo Dpcm. 

Chivasso, 07 Novembre 2020 ore 14:16

Dalla Collina si può andare a Chivasso per fare la spesa. I sindaci del territorio condividono la stessa interpretazione del nuovo Dpcm.

Dalla Collina si può andare a Chivasso per fare la spesa

Il sindaco di Casalborgone Francesco Cavallero interviene sul dubbio legato alla possibilità di uscire dal proprio Comune per andare a fare la spesa:

Come per la scorsa primavera, molti cittadini stanno scrivendo ai loro Sindaci per chiedere se è possibile muoversi principalmente verso Chivasso per le esigenze di spesa: di fatto i Sindaci non posso né fare delibere né ordinanze per consentire questi spostamenti, ma in tutta la collina stiamo condividendo una lettura del DPCM per cui appare evidente che ci si può spostare per i servizi consentiti che non sono presenti nel nostro comune.
Bisogna inoltre considerare che per quanto ci siano esercizi commerciali alimentari in Casalborgone, la loro dimensione chiaramente non può accogliere tutti i cittadini propri i e limitrofi senza creare assembramenti.
Stiamo lavorando perché su questo tema si faccia chiarezza.

Anche il collega di San Sebastiano da Po Beppe Bava spiega:

Spostamenti fuori comune per la spesa: laddove il Comune non disponga di punti vendita, o sia necessario acquistare con urgenza generi di prima necessità non reperibili nel comune dì residenza, lo spostamento è consentito. Per chiarezza spostamenti al comune più vicino e muniti di autocertificazione

Il video messaggio del sindaco di Casalborgone

Intanto Cavallero ha voluto parlare ai suoi concittadini attraverso un video messaggio nel quale tocca diversi argomenti:

Carissimi,
come tutti sapete, da venerdì il nostro Comune, come tutta la Regione Piemonte, entra nelle restrizioni della zona rossa: sul sito web del Comune abbiamo pubblicato il Decreto e delle note esplicative fatte da ANCI.

La necessità di FERMARE IL CONTAGIO attraverso la limitazione dei contatti interpersonali ci porta a confrontarci con un periodo poco sociale con importanti limitazioni alle nostre libertà.

La situazione dei nostri ospedali È CRITICA, come vediamo nelle notizie degli organi di informazione, per cui il rispetto di queste regole e limitazioni, per quanto difficili e dure, sono fondamentali per arrivare ad abbassare la pressione sulla sanità e consentire di curare tutti.

Su Casalborgone, le statistiche ci mostrano 48 casi di positività. Sull’andamento dei contagi presso la Casa di Riposo manteniamo alta l’attenzione: bisogna fare un ringraziamento alle Operatrici Sanitarie ed a tutto il personale di assistenza che si stanno prendendo cura degli anziani in questa condizione così difficile, e anche a Don Beppe per l’attenzione e l’impegno.

Lunedì ci sarà, come sempre, il mercato in totale sicurezza, per cui saranno nuovamente previsti i controlli all’ingresso.

Finalmente i ragazzi delle medie sono rientrati nelle nuove aule della scuola, dove gli spazi sono più ampi e più accoglienti.

Purtroppo da ieri, venerdì 6 novembre 2020, solo le classi prime frequentano in presenza per via del DPCM. Per noi rimane comunque la grande soddisfazione essere riusciti a ridare ai ragazzi e agli insegnanti il loro spazio.

Con il nuovo DPCM anche la biblioteca rimarrà chiusa, e presto cercheremo di posizionare nuovamente uno scaffale esterno di scambio libri, vicino alla casetta dell’acqua, raccomandando sempre il rispetto delle norme anti contagio.

Vi confermo anche che da oggi, sabato 7 novembre 2020, in farmacia sono attivi i test sierologici: occorre prenotare telefonicamente e saranno effettuati solo al mattino. Il costo è di 29 euro. Ovviamente, sono collegati al Servizio Sanitario Regionale, per cui gli esiti positivi saranno segnalati.

Se vi è possibile, utilizzate i servizi di asporto o consegna a casa da parte dei nostri ristoratori: sarebbe un modo bello per continuare a passare dei bei momenti in casa e aiutare i nostri esercizi commerciali.

Dobbiamo pensare in prospettiva, perché abbiamo di fronte molti mesi di autunno e inverno: l’obiettivo comune deve essere il massimo rispetto delle regole per poter uscire dall’emergenza il prima possibile e magari goderci un periodo natalizio più sereno di oggi.
Per il rispetto che avrete, vi ringrazio a nome di tutta la comunità.

LEGGI ANCHE: Sono finalmente uscite le FAQ ufficiali del Governo sul lockdown

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità