I funerali del piccolo Giovanni a Settimo, nelle prossime ore la conferma dell'ipotesi

Forse domani i contatti tra la giunta di Settimo e quella torinese 

I funerali del piccolo Giovanni a Settimo, nelle prossime ore la conferma dell'ipotesi
Cronaca 02 Giugno 2017 ore 00:05

Forse domani i contatti tra la giunta di Settimo e quella torinese 

Nessuno ha ancora riconosciuto il piccolo Giovanni, il neonato morto per le lesioni alla testa che il medico legale ha ritenuto compatibili con una caduta da alcuni metri di altezza. Per questo spetterebbe al Comune di Torino l'onere dei funerali del bimbo. Ma la mobilitazione e la sensibilità dei settimesi che già martedì pomeriggio avevano lanciato la proposta di provvedere all'organizzazione e a sostenere le spese per il funerale, potrebbero portare presto al via libera alla esequie proprio a Settimo. Proprio tra i post del gruppo Sei di Settimo se... gli utenti della rete avevano espresso il desiderio che potrebbe realizzarsi.

Domani, infatti, potrebbero esserci i primi contatti tra la giunta del sindaco Puppo e quella di Torino per verificare la possibilità di "trasferire" il luogo dei funerali. Da parte dell'Amministrazione comunale settimese ci sarebbe la massima disponibilità a farsi carico delle esequie per cui la Procura di Ivrea ha disposto il nulla osta.

Intanto, sul fronte dell'indagine dei carabinieri coordinati dal Pubblico Ministero Lea Lamonaca non emergono ulteriori novità. L'interrogatorio di convalida della misura di fermo di indiziato di delitto, che si è svolto quest'oggi nel carcere Le Vallette di Torino, non ha aggiunto nulla a quanto già dichiarato dalla mamma del neonato di fronte al Procuratore Capo di Ivrea Ferrando e ai militari dell'Arma. 

Nelle prossime ore, ancora, il compagno della donna di 34 anni potrebbe essere di nuovo ascoltato dai carabinieri insieme ad altre persone componenti il nucleo familiare. Proseguono, intanto, gli accertamenti tecnico-scientifici sui reperti e i campioni raccolti nell'appartamento di via Turati 2.