Cronaca
LIVORNO FERRARIS

Il paese piange la maestra Lina

Si sono svolti lunedì mattina i funerali di Carmelina Garrone, scomparsa alla fine della scorsa settimana a 73 anni.

Il paese piange la maestra Lina
Cronaca Vercellese, 01 Maggio 2021 ore 05:30

La mitica maestra Lina non c’è più. Si sono svolti lunedì mattina i funerali di Carmelina Garrone, scomparsa alla fine della scorsa settimana a 73 anni.

Il paese piange la maestra Lina

La mitica maestra Lina non c’è più. Si sono svolti lunedì mattina i funerali di Carmelina Garrone, scomparsa alla fine della scorsa settimana a 73 anni, dopo una lunga malattia contro la quale combatteva da tempo. Sposata con il consigliere comunale di opposizione Antonio Tamburelli, aveva un figlio, Emanuele, e pur essendo in pensione da molti anni aveva lasciato un ricordo indelebile in decine di alunni e nelle sue colleghe che a lungo hanno lavorato con lei nelle scuole primarie del paese.

I ricordi

«È stata punto di riferimento per la crescita di tanti livornesi che la ricordano con grande affetto: il ricordo non comprende solo la sfera educativa ma anche quella della sensibilità personale così da rappresentare un riferimento costante quando fosse servito una parola di confronto e di aiuto», commenta il sindaco Stefano Corgnati.

Per tutti Lina Garrone incarnava la maestra di una volta, capace di bilanciare sorrisi, educazione e rigore nell’insegnamento, come ricorda bene Federico Pizzamiglio, consigliere di maggioranza e suo ex alunno. «La mia famiglia ed io abbiamo mantenuto rapporti significativi con lei e la sua famiglia dopo le mie elementari. E da grande amica di famiglia ha seguito il mio percorso di crescita ed era presente ai miei traguardi, tanto che è venuta alla mia laurea, perché volevo che ci fosse. Donna di una bontà fuori dal comune, che ha affrontato la sua battaglia con una dignità e una fede incrollabile, a volte inconcepibile per me per quanto intensa. Con lei se ne va parte della mia infanzia», ricorda commosso Pizzamiglio.

«Era una donna dolce e molto riservata, e per Antonio è stata la compagna di una vita nonché un pilastro della famiglia. Ci stringiamo al suo dolore e a quello di Emanuele», commenta la capogruppo di opposizione Chiara Barone, che come tanti livornesi lunedì scorso si è stretta attorno alla famiglia Garrone Tamburelli. Ma sono tanti anche i messaggi di cordoglio arrivati in queste ore sui social, in particolare su Facebook, tra cui quello di Maria Beatrice Aimaro, storica impiegata della segreteria delle scuole di Livorno.

«Carmelina era persona mite e buona di cui mi onoro di essere stata amica. Ricorderò per sempre il piacere che provavi nel rivederci, ogni tanto, con la speranza che ci sarebbe stata un’altra occasione».