caluso

Il paese piange l’ex assessore Franco Drago

Si è spento un simbolo dell’operatività a favore della comunità locale.

Il paese piange l’ex assessore Franco Drago
Cronaca Chivasso, 18 Gennaio 2021 ore 17:53

La sinistra calusiese in lutto. Si è spento un simbolo dell’operatività a favore della comunità locale, Franco Drago, personaggio molto conosciuto e stimato non solo a Caluso.

Il paese piange l’ex assessore Franco Drago

La sinistra calusiese in lutto. Si è spento un simbolo dell’operatività a favore della comunità locale, Franco Drago, personaggio molto conosciuto e stimato non solo a Caluso. Drago, infatti, era nato a Torino nel 1933.

Il ricordo del Pd

E a ricordare il suo operato sono le parole del segretario della sezione calusiese del Pd:

«Nel ricordare Franco Drago non posso non estendere il ricordo ad Ettore Avidano ed Armando Seriolo che insieme hanno scritto una pagina importante della sinistra nella nostra comunità – dichiara con commozione Elio Lepore – Franco per noi tutti ha sempre rappresentato la figura dell’amministratore integerrimo che aveva ben chiari gli obbiettivi e riusciva sempre a raggiungerli. Ricordo il suo ruolo di Assessore Sanità e Assistenza e poi al Bilancio e alcune delle realizzazioni che portano la sua firma: l’Asilo Nido Comunale, il consultorio familiare e le politiche rigorose di finanza pubblica. Un ricordo particolare che ci accomuna è stato il nostro incontro nella sede IACP di Torino dove chiedevamo all’Istituto Case Popolari di finanziare un intervento di costruzione di case per i lavoratori anche a Caluso. Il risultato è sotto gli occhi di tutti, le case IACP di Viale Europa. Altri ricordi di Franco lo vedono in qualità di vicepresidente della Cooperativa Edilizia Primo Maggio dove partecipava a tutti i bandi emessi dalla Regione Piemonte per le case in cooperativa e le realizzazioni di Via Piave e corso Torino sono una bella realtà».

Il pensiero del sindaco Cena

E c’è anche chi, come il sindaco Maria Rosa Cena:

«Ho accolto con grande dispiacere la notizia della dipartita di Drago. E’ ancora forte in me il ricordo del quinquennio 1975/1980 quando ricoprì la carica di assessore alla sanità, assistenza e bilancio del Comune di Caluso. Allora ero alla prima esperienza da sindaco e la figura di un amministratore capace come Franco fu sempre un punto di riferimento ed una sicurezza per un gruppo di giovani amministratori che si erano da poco affacciati alla vita pubblica locale. Prova della sua grande lungimiranza è il fatto che a lui si debba la partenza delle prime iniziative di edilizia popolare a Caluso (Cooperativa Primo Maggio) e, grazie ad un attento monitoraggio delle opportunità offerte dagli enti sovra comunali, fu possibile accedere a contributi e costruire nuove abitazioni in diverse zone di Caluso (Via Piave, Corso Torino, Viale Europa)».

Un grave lutto

«Ho conosciuto Franco negli anni Settanta – ricorda Corrado Scapinosindaco di Caluso nel 1989, già assessore provinciale e attualmente presidente Enoteca Regionale dei vini della Provincia di Torino – siamo stati assessori insieme nella Giunta comunale nel 1975 con il sindaco Maria Rosa Cena. Sempre presente e impegnato sul sociale, molto fedele e coerente con le sue idee ma anche disponibile ad ascoltare le ragioni altrui. Anche se si proveniva da culture politiche diverse discutendo con lui si trovava sempre una sintesi unitaria. Lo ricordo con amicizia e stima: una brava persona che a volte dava l’impressione di essere anche testardo nel difendere le proprie convinzioni, ma che nella realtà era sempre disponibile a farsi carico dei problemi altrui». Franco Drago verrà cremato e non è prevista sarà nessuna funzione, sarà possibile portare un saluto al cimitero di Caluso quando arriveranno le ceneri da Mappano in data a oggi non nota.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli