Menu
Cerca
verolengo

Il sindaco: “Se posso eliminare il coprifuoco lo faccio sicuramente”

"Voglio, infatti, che ristoranti, pizzerie e bar lavorino tranquilli".

Il sindaco: “Se posso eliminare il coprifuoco lo faccio sicuramente”
Cronaca Chivasso, 02 Maggio 2021 ore 03:19

Il sindaco Luigi Borasio dopo aver saputo dell’iniziativa del collega del Chietese: «Se i Dpcm non sono leggi, neanche io farò rispettare il coprifuoco delle 22: la trovo una stupidaggine non imposta dalla scienza».

Coprifuoco, la situazione

Antonio Luciani, sindaco di Francavilla al Mare, Comune in provincia di Chieti, ha contestato il coprifuoco imposto dalle 22 alle 5 con il nuovo Dpcm in vigore sino alla fine del mese di luglio.
Un’intervista, la sua, che ha letto con molto interesse il primo cittadino di Verolengo Luigi Borasio, che spiega: «Credo che se le parole del collega delle provincia di Chieti siano confermate, troveranno via libera anche sul nostro territorio.
Io, infatti, qualora mi assicurino che i Dpcm non hanno valore di legge e dunque siano superabili, procederò con il superamento del coprifuoco. Anche perché questo limite orario, per me senza senso, non è stato imposto dal Comitato scientifico bensì è stata una scelta del Governo. Infatti, mi domando cosa cambi con il coprifuoco, il virus “esce” solo dalle 22 alle 5? Secondo loro prima delle 22 non si possono creare assembramenti? Veramente assurdo tutto quello che ho ascoltato e letto in questi giorni».

 Prosegue il sindaco Borasio

«Mi chiedo: a se vado al cinema vedo solo la prima parte e torno il giorno dopo a vedere la seconda? A teatro vedo lo spettacolo solo a metà? E poi i ristoranti all’aperto: magari in Sicilia si può mangiare tranquillamente, ma qui la sera non ancora. – Prosegue Borasio –
Io comunque se scopro che lo posso eliminare lo farò e comunicherò questa mia decisione anche ai Comuni del territorio. E credo che saranno in molti a condividerlo perché così si aiutano le attività del territorio. Voglio, infatti, che ristoranti, pizzerie e bar lavorino tranquilli».