I RICORDI

La città piange Cesare Lamonaca, per anni il titolare della boutique 1990

Lui ha dedicato tutta la sua vita alla moda. 

La città piange Cesare Lamonaca, per anni il titolare della boutique 1990
Chivasso, 02 Agosto 2020 ore 07:40

La città di Chivasso piange Cesare Lamonaca, per anni il titolare della boutique 1990. Lui ha dedicato tutta la sua vita alla moda.

L’addio al titolare della boutique 1990

La città si trova a piangere uno dei suoi più noti commercianti Cesare Lamonaca, 67 anni. E’ stato per tanti anni titolare della boutique «1990» insieme a Roberto Borghesio. Boutique che avevano aperto ad agosto del 1990.
Maestri di stile, con la loro lungimiranza, la loro capacità imprenditoriale hanno contribuito ad arricchire l’offerta commerciale della città.
Avevano una marcia in più. Da via Torino si erano trasferiti in piazza della Repubblica 2. Qui hanno dato una svolta, portando a Chivasso marchi di alto livello. Uno fra tutti Furla, poi Hogan e via di seguito.
Hanno iniziato ad inserire anche qualche capo di abbigliamento, di affermati stilisti. Poi il coraggio di cambiare di nuovo. Si sono trasferiti nei locali dell’ex biblioteca in piazza della Repubblica. creando una suggestiva boutique. Hanno fatto sognare con le loro vetrine, i loro capi e il loro gusto innato.
Affiancati da un ottimo staff sapevano coccolare i clienti e soprattutto soddisfare le loro esigenze. Mai sopra le righe.

Chivasso piange Cesare Lamonaca

Era un uomo dal cuore grande che ha saputo subito farsi apprezzare ed amare da Chivasso. Qui lo si vedeva spesso fare colazione nei bar del centro, frequentare le palestra. Poi la malattia contro cui ha cercato di combattere con grande coraggio. Ma il suo cuore ha cessato di battere sabato 25 all’hospice di Settimo.

I ricordi

Così lo ricorda, commosso, Roberto Borghesio: «Il “finale” dell’attività a Chivasso è stato per lui molto doloroso. Lo ha stroncato definitivamente, anche se lottava contro la leucemia. Da parte sua c’era un investimento di energia assoluto nei confronti di quella attività, a cui aveva dedicato anima e corpo con tutta la professionalità che aveva maturato negli anni. Dopo l’università aveva iniziato a fare il “visual”, lavorando per Luisa Spagnoli. Il motore di quanto costruito a Chivasso era lui: un’idea che si è sviluppata dal negozio di via Torino fino ad arrivare alla grande location di piazza della Repubblica, con la collaborazione di tutti i più grandi brand. Aveva una passione assoluta per la moda e per il bello. Viveva per questo lavoro».
Anche Maria Luisa Coppa, presidente Ascom di Torino lascia una sua testimonianza su Cesare: «Con un passato di studi scientifici, ma con una forte vocazione artistica Cesare, dopo aver svolto, insieme a Roberto, per molti anni la professione di vetrinista di fama ha aperto con lui la boutique «1990». Con il loro negozio hanno portato in città innovazione e glamour, scegliendo abiti di qualità e grande ricerca attirando clientela da Torino e fuori. Lo ricordiamo proprio per la ventata innovativa in ambito commerciale che ha saputo proporre».

TORNA ALLA HOME PAGE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità