Cronaca
CRESCENTINO

La città piange l'ex titolare dell'ingrosso di ortofrutta

Stefano Saluzzo aveva 91 anni.

La città piange l'ex titolare dell'ingrosso di ortofrutta
Cronaca Vercellese, 09 Aprile 2022 ore 05:25

Impossibile non aver mai varcato la porta dell’ingrosso di frutta e verdura di via Bolongara a Crescentino anche solo per salutare Stefano Saluzzo.

La città piange l'ex titolare dell'ingrosso di ortofrutta

Un punto di riferimento per moltissime persone, per tante attività del territorio che li trovavano i prodotti della terra di prima qualità da servire ai propri clienti.
E il volto di quell’attività era Stefano Saluzzo che, insieme alla sorella, lo ha gestito sin da giovanissimo.
«Mio papà e mia zia, infatti, lo avevano ereditato dai propri genitori e ancora prima era gestito dai miei nonni - ricorda Pier Paolo Saluzzo - Ricordo i tanti anni trascorsi da mio papà a vendere frutta e verdura all’ingrosso. Lo hanno gestito sino al 2012 circa, poi la decisione di chiudere. Il passaggio all’euro, la crisi e comunque anche all’età non aveva più consentito di proseguire con il loro lavoro».
Anni di grande lavoro, anche i più giovani ricordano questa attività.

Il ricordo

«Papà era conosciuto per la sua allegria e la sua voglia di far festa - racconta il figlio - Amava partecipare alle manifestazioni, non disdegnava mai un momento conviviale, un’occasione tra parenti e amici.
Spesso mi raccontava del Carnevale, quando era più giovane faceva parte di un gruppo con il quale aderiva alla manifestazione.
Era anche un grande tifoso della Juventus, come me. E domenica ho guardato la partita anche un po’ per lui, perché solo qualche giorno prima mi aveva chiesto quando avrebbe giocato. Da giovane andava allo stadio, me lo raccontava spesso. Ora invece la seguiva in televisione».
Stefano, o come meglio lo chiamavano gli amici Steu, ha anche giocato a calcio, a livello amatoriale.
Il figlio, infatti, racconta che in casa c’è qualche foto nella quale è ritratto con una casacca di qualche società sportiva.
Era un uomo, nonostante l’età, ancora molto indipendente. Il 1 giugno avrebbe festeggiato 92 anni.
«Aveva degli acciacchi dovuti all’età ma nulla di più - racconta il figlio - Tant’è che stavamo insieme di giorno, poi la notte ognuno a casa sua. Nulla faceva pensare ad una sua dipartita. Invece venerdì sera si è spento, serenamente».
I funerali sono stati celebrati lunedì nella chiesa parrocchiale di Crescentino.
In molti in questi giorni si sono stretti al dolore del figlio, in molti hanno voluto ricordare la sua solarità e la sua allegria, la sua disponibilità.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter