A TORRAZZA

La spinta del nuovo sottopasso: a Natale addio ai passaggi a livello LE FOTO

E’ terminata la parte di lavori più delicata e importante per la realizzazione dell'opera.

La spinta del nuovo sottopasso: a Natale addio ai passaggi a livello LE FOTO
Chivasso, 17 Ottobre 2020 ore 05:26

E’ terminata la parte di lavori più delicata e importante per la realizzazione del sottopasso ferroviario lungo la linea Torino-Milano a Torrazza Piemonte. La “spinta” del monolite, così viene definita l’operazione che porta la struttura al di sotto dei binari ferroviari è cominciata nei giorni scorsi e terminerà mercoledì 14 ottobre.

La spinta del nuovo sottopasso

E’ terminata la parte di lavori più delicata e importante per la realizzazione del sottopasso ferroviario lungo la linea Torino-Milano a Torrazza Piemonte. La “spinta” del monolite, così viene definita l’operazione che porta la struttura al di sotto dei binari ferroviari è cominciata nei giorni scorsi e terminerà mercoledì 14 ottobre.
«Il sottopasso collegherà al nuova strada che passa appunto nel sottopasso a via Santa Chiara. Il monolite che si sta spingendo è di cemento armato, è un’opera complessa al cui interno ci sono travi in acciaio» spiega il primo cittadino Massimo Rozzino direttamente in cantiere.

Addio ai passaggi a livello a Natale

E il direttore dei lavori Italferr Enrico Piovano insieme al responsabile Ettore Scalise conferma che i lavori sono in anticipo rispetto al cronoprogramma di quattro mesi. Infatti, la ditta  «D’adiutorio Costruzioni» ha il termine lavori previsto per aprile ma gli ingegneri spiegano: «L’opera potrebbe essere conclusa entro la fine dell’anno, magari già per Natale. In questo lavoro molto importante perché con questa soppressione si va verso l’eliminazione di tutti i passaggi a livello lungo questa linea, nulla è stato lasciato al caso. Si è prevista anche un’importante opera idraulica per evitare il pericolo allagamenti. Sotto al monolite sono presenti delle vasche di laminazione per evitare il rischio allagamenti in caso di bombe d’acqua. E qualora questo dovesse comunque accadere abbiamo posizionato dei sensori interni ed esterni per registrare i livelli dell’acqua oltre ai semafori e sbarre per chiudere le discese nel sottopasso. Inoltre, abbiamo operato una miglioria per renderlo più duratura nel tempo».
Una volta terminata la spinta, la ditta dovrà smontare il sistema provvisorio dei binari. Operazione che avverrà in orario notturno. Così lunedì i treni torneranno a transitare senza riduzioni di velocità lungo il percorso.

Un lavoro in piena sinergia

«Il lavoro svolto in sinergia tra le varie istituzioni dimostra ancora una volta che quando c’è la voglia di fare si superano mille ostacoli – commenta Rozzino – Con il capo cantiere Luigi Antonio Santillo e gli ingegneri c’è sempre stata ampia collaborazione. Guardando quest’opera che sta terminando non posso che ribadire che gli italiani e l’Italia non sono secondi a nessuno».
Rozzino è fiero di questo ennesimo intervento realizzato nel corso del suo mandato: «Credo che a fine del mio mandato lascerò delle grandi opere che si aspettavano da decenni.
E colgo l’occasione per dire che anche l’ufficio postale presto sarà operativo: i lavori stanno procedendo a spron battuto. E così anche la realizzazione del nuovo parcheggio di Amazon nell’area che Telt ha liberato».

22 foto Sfoglia la gallery
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità