Menu
Cerca
lutto

L’addio a Nillo Baroni, ha guidato la Pianese

Viveva a San Sebastiano da Po, era conosciuto da tutti nel mondo del calcio, aveva 70 anni.

L’addio a Nillo Baroni, ha guidato la Pianese
Cronaca Chivasso, 11 Aprile 2021 ore 05:40

L’addio a Nillo Baroni, ha guidato la Pianese. Viveva a San Sebastiano da Po, era conosciuto da tutti nel mondo del calcio, aveva 70 anni.

L’addio a Nillo Baroni

Il mondo del calcio collinare in lutto per la scomparsa di Nillo Baroni, per anni presidente della Pianese, società che oggi milita nel campionato d’Eccellenza.
Quando si è diffusa, sabato 3 aprile, la notizia della sua scomparsa, subito sono arrivati alla famiglia molti messaggi di cordoglio e di vicinanza.
Il legame con il calcio collinare e con la Pianese è sempre stato molto profondo per Nillo Baroni, che si è fatto apprezzare anche nei rapporti con le altre società del territorio. Ancora oggi, pur non essendo più parte attiva nel mondo del calcio locale, in tanti lo ricordavano per il suo grande impegno e la sua grande passione.
Fin da giovane Baroni aveva giocato a calcio, il suo ruolo era quello di portiere.
Poi dopo aver appeso gli scarpini al chiodo, era passato «dall’altra parte» con un ruolo dirigenziale, che ha portato avanti fino agli anni Duemila.
Tanti sono i giovani che, durante la sua presidenza, hanno vestito la maglia della Pianese e sono cresciuti cercando di portare avanti negli anni, gli insegnamenti imparati al campo, anche grazie a lui. Da tutti si faceva chiamare Nillo, ma il vero nome di Baroni era Benoninno.
Aveva 70 anni e faceva l’artigiano a Gassino.
Sono davvero tanti i messaggi di cordoglio che in questi giorni sta ricevendo la famiglia, la moglie Ester, il figlio Alessio ed il nipote Tommaso, a testimonianza di quanto fosse ancora grande l’affetto nei suoi confronti per il suo ruolo ed il suo impegno.

I ricordi

«Conoscevo molto bene Nillo – sottolinea l’assessore allo Sport di San Raffaele Cimena Loris Zeppegno -. Lo ricordo a casa sua in giardino di sera, in un momento speciale per mano ad uno dei miei figli, a raccontargli una storia magica per fargli superare la paura del temporale. Un uomo capace di portare quegli stessi valori nel mondo del calcio, un mondo come tutti sappiamo spesso molto competitivo ma che lui ha reso più umano e forse un po’ più speciale. Nillo, uomo dal grande slancio imprenditoriale e dal cuore immenso, che ci lascia in dono i suoi sorrisi e quell’irreplicabile se stesso che tutti teniamo cucito sul cuore. Ad Ester sua amatissima moglie, ad Alessio e Tommaso figlio e nipote immensamente cari, va il mio abbraccio e il mio grazie dal profondo del cuore. Nillo continua a tenerci la mano».

«Viveva a San Sebastiano da Po da una quindicina d’anni – ricorda il sindaco di San Sebastiano da Po, Beppe Bava – Era una persona molto disponibile e collaborativa con l’Amministrazione comunale, svolgeva lavoretti per noi e a lui va tutto il nostro ringraziamento. Quando svolgevano il Palio dei Borghi lui si occupava di fornire gratuitamente le maglie. Era una persona cordiale che abitava in una via Impervia e quando c’era qualche criticità in quel tratto di strada lui me la segnalava. Le sue telefonate erano collaborative, non ha mai polemizzato su nulla. A Natale 2019 quando, come comune, donammo le borracce agli studenti, Baroni si occupò del lavoro di serigrafia, un’opera che lui svolse gratuitamente».

A ricordare Baroni anche Carlo Colombo, attuale presidente della palestra Jk di Arti Marziali di San Raffaele, ma per alcuni anni anche presidente della società calcistica collinare. «Ho guidato la Pianese dal 1988 al 1992 e con Nillo Baroni ho avuto modo di collaborare in società. E’ sempre stata una persona che si è data da fare per cercare promuovere e portare avanti nel migliore dei modi il calcio nella nostra zona».

Parole toccanti da parte dell’ex sindaco di San Raffaele Angelo Corrù: «Nillo per me e di certo per noi tutti, rimane un grande uomo capace di lasciare impronte, prima di tutto nel cuore di tutte le persone che lo hanno conosciuto. Il suo sorriso, la sua compagnia, i suoi funghi, l’amore per la sua famiglia e per le sue origini, la passione che metteva nel trasmettere se stesso in ogni iniziativa. Un uomo per bene Nillo, un uomo di famiglia, quella famiglia della quale riusciva a fare sentire parte, chiunque lo avvicinasse. Ai suoi cari il mio pensiero e ricordo».

Era conosciuto in tutta la Collina

Baroni era conosciuto in tutta la collina, dal Gassinese al Chivassese. Oltre ad avere guidato per anni la Pianese a San Raffaele Cimena, infatti, dal punto di vista prettamente lavorativo faceva l’artigiano a Gassino. Certamente, nel rispetto delle norme previste in questo periodo di emergenza a causa del Covid, saranno diverse le persone che andranno a salutarlo per l’ultima volta.

Il cordoglio

I tanti messaggi di cordoglio che in questi giorni stanno giungendo alla famiglia certamente serviranno per cercare di alleviare il dolore in un momento molto difficile come quello rappresentato dalla perdita di una persona cara.
Questi alcuni dei pensieri che il figlio Alessio ha scritto per ringraziar tutti coloro che hanno espresso vicinanza alla sua famiglia.
«Volevo che questa circostanza rimanesse più intima, ma poi ho pensato che potevo provare a regalargli ancora una cosa: fargli vedere quanto ha seminato e lasciato dentro a tante persone. E tutti voi avete avuto un pensiero per lui, generato da un sentito e sincero sentimento. È stato presidente di tanti ragazzi e ragazzini a cui ha provato ad insegnare l’importanza di fare gruppo, il rispetto all’interno di un gruppo e la disciplina fuori dal campo. Grazie davvero per il vostro calore perché come avrebbe detto lui: E’ energia positiva e fa bene al mondo».