Menu
Cerca
in pandemia

Lezioni in presenza per i figli dei “lavoratori indispensabili”

Deve essere presentata richiesta presso il proprio Istituto Comprensivo.

Lezioni  in presenza per i figli dei “lavoratori indispensabili”
Cronaca Chivasso, 07 Marzo 2021 ore 10:18

Sì alle lezioni in presenza per i figli dei “lavoratori indispensabili”. E’ questa la notizia che si sta diffondendo in queste ore in seguito alla decisione di chiudere le scuole per limitari i contagi e far quindi partire la didattica a distanza.

Lezioni in presenza

“Il Ministero dell’Istruzione ha dato indicazioni ai dirigenti scolastici affinché sia garantita la frequenza in presenza per gli studenti figli di personale sanitario e di altre categorie di lavoratori, le cui prestazioni siano ritenute indispensabili per la garanzia dei bisogni essenziali della popolazione.
Non ne possono usufruire i bimbi che abbiano uno o entrambi i genitori in Smart working.
Occorre fare richiesta al proprio Dirigente Scolastico attraverso apposito modulo e attendere risposta.
Le categorie sono esplicitate nella tabella dei codici ATECO provvisori, categorie che dovrebbero rientrare nelle attività e servizi ritenuti essenziali in base al DPCM del 22.3.2020″.
E’ questo il comunicato regionale che in queste ore viene diffuso principalmente dai sindaci e da alcuni Istituti comprensivi.
I dirigenti scolastici nel valutare le richieste dei genitori terranno conto delle esigenze prioritarie di non vanificare l’efficacia delle misure di contenimento del contagio adottate nel relativo decreto del presidente e della giunta regionale.

Il Ministero, la richiesta dovrà essere motivata

Lo stesso Ministero dell’Istruzione,  conferma la possibilità della didattica in presenza per i figli dei lavoratori indispensabili come indicati nella nota 1990/2020 che chiarisce come “nell’ambito di specifiche, espresse e motivate richieste, attenzione dovrà essere posta agli alunni figli di personale sanitario (medici, infermieri, OSS, OSA…), direttamente impegnato nel contenimento della pandemia in termini di cura e assistenza ai malati e del personale impiegato presso altri servizi pubblici essenziali, in modo che anche per loro possano essere attivate, anche in ragione dell’età anagrafica, tutte le misure finalizzate alla frequenza della scuola in presenza. Dovrà essere garantito comunque il collegamento on line con gli alunni della classe che sono in didattica digitale integrata”.

Chivassese “arancione scuro”

La notizia che tutti aspettavano è arrivata intorno alle 19 di venerdì 5 marzo: il distretto sanitario dell’AslTo4 di CHIVASSO e SAN MAURO (così come quello di IVREA e VERCELLI) è in “zona arancione scuro” (o rafforzato), il che significa scuole chiuse da lunedì 8 marzo e parchi chiusi da martedì 9.

Fascia di rischio 1

In tutti i comuni appartenenti alla fascia di rischio 1 (come appunto il distretto Chivasso e San Mauro) è sospesa l’attività didattica in presenza, con attivazione della didattica a distanza al 100%, nelle scuole di ogni ordine e grado (ad eccezione di nidi e micronidi, dell’attività scolastica per i disabili e dei laboratori).

La misura si rende necessaria alla luce di quanto previsto dall’ultimo Dpcm nelle aree dove l’incidenza dei contagi supera la soglia di allerta, con un tasso di incidenza uguale o superiore ai 250 casi ogni 100.000 abitanti o dove si è registrato un raddoppio dei nuovi casi nel corso dell’ultima settimana, rispetto al periodo precedente.

Altre misure

Per limitare la possibilità di occasioni di assembramento, da martedì 9 marzo in tutto il Piemonte non sarà consentito l’utilizzo delle aree attrezzate per gioco e sport, come ad esempio scivoli, altalene, campi di basket, zone skate, in aree pubbliche e all’interno di parchi e giardini pubblici (fatta salva la possibilità di fruizione ai soggetti con disabilità).

Da sabato 6 marzo l’accesso alle attività commerciali è consentito ad un solo componente per nucleo familiare (ad eccezione della necessità di recare con sé minori, disabili o anziani).

Inoltre si raccomanda fortemente per le attività di ristorazione la vendita con consegna a domicilio rispetto all’asporto.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli