Cronaca
l'intervento

Linea ferroviaria Chivasso-Asti, interviene l'onorevole Costanzo

"Non sono convinta che sia opportuno far stendere un manto di plastica sui 50 chilometri di binario"

Linea ferroviaria Chivasso-Asti, interviene l'onorevole Costanzo
Cronaca Chivasso, 30 Settembre 2020 ore 12:35

La linea ferroviaria Chivasso-Asti è un tema molto caldo in questo periodo. E' infatti all'attenzione della Regione Piemonte e dei sindaci della Collina Chivassese il futuro di questa tratta ferroviaria.

Linea Chivasso-Asti

La deputata Jessica Costanzo (M5S) entra nel merito della questione degli interventi che si ipotizzano possano essere attuati nella tratta Chivasso-Asti.
"La ferrovia Chivasso-Asti è in preda al degrado, la sua sede e i binari sono invasi da erbacce e arbusti. Una soluzione va trovata, questo è innegabile - afferma Costanzo - ma non sono convinta che sia opportuno far stendere un manto di plastica sui cinquanta chilometri di binario da Chivasso ad Asti. Credo che invece si dovrebbe ragionare su altre soluzioni: penso ad esempio alla possibilità di far curare la pulizia e la manutenzione del verde dei binari e delle aree circostanti ai percettori del reddito di cittadinanza delle zone coinvolte. Proprio in questi giorni - continua Costanzo - si discute molto del reddito di cittadinanza e di come migliorare la sua applicazione, specie in riferimento alle carenze emerse nella cosiddetta “fase 2”, in cui i PUC, progetti utili alla collettività, non sono partiti o vanno a rilento.
Mi farò promotrice di contattare RFI, a cui parte spetta la manutenzione del tratto ferroviario, le istituzioni locali e regionali coinvolte per arrivare ad un protocollo di intesa che possa dare il via a questo progetto. Coinvolgere i percettori del reddito per la manutenzione della linea ferroviaria darebbe un segnale importante e dimostrerebbe come il reddito di cittadinanza possa essere davvero un’occasione di concreta utilità per la collettività, aderendo alle esigenze dei territori in maniera flessibile ed efficiente” conclude Costanzo".