SICUREZZA

Nascondeva armi illegali sul posto di lavoro, arrestato LE FOTO

E' un italiano di 48 anni, residente a Settimo Torinese.

Nascondeva armi illegali sul posto di lavoro, arrestato LE FOTO
Cronaca Settimo, 20 Dicembre 2020 ore 11:52

A Settimo Torinese, nell’hinterland torinese, i carabinieri hanno arrestato un italiano di 48 anni, residente a Settimo Torinese, per detenzione illegale di armi.

Nascondeva armi illegali sul posto di lavoro

Nell’ambito dei controlli del territorio disposti dal Comando Provinciale di Torino, i carabinieri hanno eseguito due arresti e una denuncia per possesso illegale e ricettazione di tre pistole e un fucile.
A Settimo Torinese, nell’hinterland torinese, i carabinieri hanno arrestato un italiano di 48 anni, residente a Settimo Torinese, per detenzione illegale di armi. L’uomo ha nascosto una pistola sul posto di lavoro ma il cane anti – esplosivi del Nucleo Cinofili Carabinieri di Volpiano l’ha trovata. La perquisizione nell’azienda specializzata nel recupero di rottami in ferro e metallici in cui l’arrestato lavora ha permesso di trovare la pistola Beretta, calibro 7,65 e 38 proiettili calibro 7,65, rubata nell’aprile del 2019 a Torino. A seguito dell’intervento, l’uomo è stato arrestato dai carabinieri della Compagnia di Venaria e Chivasso, per ricettazione e detenzione illegale d’arma comune da sparo.

Altri controlli, altri casi

A Rivalta di Torino, nell’hinterland torinese, un italiano di 49 anni, di Rivalta, è stato arrestato perché nella sua carrozzeria sono state ritrovate, grazie al fiuto del cane anti – esplosivi, due pistole Beretta, calibro 9 e calibro 7.65, munite del relativo munizionamento. Le armi non sono registrate in Banca Dati. Il carrozziere è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di detenzione illegale di armi.
A Lanzo Torinese, sempre nell’hinterland torinese, un italiano di 42 anni è stato denunciato dai carabinieri della Stazione di Lanzo per il possesso di un fucile ad avancarica privo di marca, modello e matricola e mai denunciato alla competente autorità amministrativa.
Le pistole e il fucile saranno inviati al Ris di Parma per verificare se siano state utilizzate per commettere reati.

3 foto Sfoglia la gallery
Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità