Menu
Cerca
Chivasso

Nuovo look per le piazze delle frazioni

Il sindaco Castello ha incontrato i cittadini: interventi a Mandria, Betlemme e Boschetto.

Nuovo look per le piazze delle frazioni
Cronaca Chivasso, 27 Febbraio 2021 ore 08:43

Nuovo look per le piazze delle frazioni.

Nuovo look per le piazze delle frazioni

Presto tre frazioni  vedranno un restyling delle loro piazze. «La riqualificazione dei mini centri storici è un obiettivo in cui tutta l’Amministrazione crede fermamente al fine di valorizzarne le bellezze storiche e, al contempo, offrire ai cittadini uno spazio decoroso fruibile per i ritrovi e gli eventi che si spera possano tornare quanto prima», ha commentato il sindaco Claudio Castello.

Le piazze di Mandria, Boschetto e Betlemme

«Quelli presentati sabato e domenica alla popolazione di Boschetto, Mandria e Betlemme sono studi di fattibilità per le piazze che speriamo possano ricevere consigli e suggerimenti dalla popolazione: una volta presentato il progetto definitivo, di cui speriamo di ottenere l’approvazione entro aprile o maggio, partirà la gara d’appalto e di seguito i lavori».
Alle presentazioni ha preso parte l’intera squadra progettista formata dagli assessori Domenico Barengo e Pasquale Centin, l’architetto Andrea Zavattaro e l’ingegnere dirigente dell’Ufficio Edilizia e Urbanistica, Fabio Mascara.

L’impegno economico

Proprio Mascara ha descritto l’impegno economico dei lavori: «Per portare a termine i lavori di riqualificazione delle zone fulcro della vita delle frazioni sono stati stanziati 210 mila euro divisi tra Boschetto, i cui lavori richiederanno 63 mila euro, Mandria, a cui andranno 40 mila euro, e Betlemme, destinataria della cifra maggiore, 90 mila euro».
A Boschetto il sindaco e l’Assessore Barengo hanno colto l’occasione per dirsi soddisfatti nell’essere riusciti a completare i lavori per la realizzazione della rete fognaria e la sostituzione del fibrocemento che rivestiva i tubi dell’acqua.

L’intervento a Boschetto

«A seguito dei lavori che presentiamo oggi Boschetto avrà una nuova pavimentazione nell’area antistante la casa parrocchiale che richiamerà l’estetica del sagrato della chiesa – ha descritto l’architetto Zavattaro commentando i rendering dei progetti – ci saranno nuovi stalli per le auto (i posti previsti sono sette), un marciapiede che permetta la circolazione in sicurezza dei pedoni ma anche panchine, fioriere e nuovi alberi che soprattutto in estate rinfrescheranno la zona».

L’intervento a Mandria

A Mandria la zona che verrà interessata dai lavori di riqualificazione è quella antistante la chiesa: «Il progetto per questa frazione – ha commentato Zavattaro – è più complesso perché prevede la supervisione della Sovrintendenza per le Belle Arti. Anche qui l’intervento maggiore sarà quello rivolto alla ripavimentazione: una volta smantellato il cemento la nuova superficie sarà pari a circa 100 metri quadri. In accordo con la Sovrintendenza si è parlato di una pavimentazione fatta da ciottoli ma speriamo di poter proporre una qualche soluzione più pratica dal punto di vista della calpestabilità. L’intera area sarà decorata poi con fioriere e paletti dissuasori oltre che dotata della predisposizione per due luci da incasso per illuminare la facciata della chiesa». La richiesta dei cittadini di vedere la pulizia e la manutenzione della zona in capo al Comune è stata subito accolta dal sindaco.

L’intervento a Betlemme

Nell’ultima tappa i progettisti hanno presentato i futuri lavori ai cittadini di Betlemme, destinatari dell’intervento più oneroso e che riguarderà la zona antistante l’ex scuola, oggi sede del Circolo Santa Margherita.
«A Betlemme la ripavimentazione della zona sarà accompagnata dallo spostamento della fermata dell’autobus che verrà ricollocata sul fianco della struttura e dotata di una pensilina rialzata rispetto al livello della strada. Qui non sarà necessario pensare a nuovi elementi di arredo urbano in quanto alberi, panchine e fioriere ci sono già ma sarà comunque una priorità intervenire sulla zona dell’attraversamento verso la chiesa per eliminare le barriere architettoniche».
Dai cittadini è arrivata la richiesta dell’installazione di un punto acqua e l’apertura della zona verde posta dietro l’attuale pensilina.
Il sindaco Castello ha tenuto a ringraziare tutte le persone che, numerosissime, sono intervenute alle tre presentazioni: «La dimostrazione che le nostre frazioni sono amate dai loro abitanti e che ogni intervento a favore della messa a nuovo è un atto dovuto nei confronti di un patrimonio storico e artistico di cui possiamo andare fieri e orgogliosi».

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli