A CHIVASSO

Offre farmaci ai bambini del quartiere

Immediata la segnalazione ai carabinieri.

Offre farmaci ai bambini del quartiere
Chivasso, 18 Luglio 2020 ore 05:20

Un tavolo, davanti alla porta di casa, una serie di farmaci allineati con cura, una donna che invita i bambini a prenderli ripetendo «Vi devo curare».

Offre farmaci ai bambini del quartiere

Un tavolo, davanti alla porta di casa, una serie di farmaci allineati con cura, una donna che invita i bambini a prenderli ripetendo «Vi devo curare».
Siamo a Chivasso, in via Togliatti, e questa è l’ennesima storia di una fragilità psicologica che rischia di chiudersi se non male, malissimo.
Lei, la protagonista, è una donna di mezza età arrivata da poco al Borgo Sud Est grazie all’assegnazione di un alloggio popolare. I vicini la definiscono «strana»: a volte parla da sola, in altre occasioni vaga per il quartiere chiedendo del «fumo», altre ancora si accompagna a ragazzini con cui fa le ore piccole tra alcol e schiamazzi.
Fatti suoi, per carità, ma non è questo l’oggetto del contendere. La situazione, infatti, è precipitata quando la donna ha iniziato ad «apparecchiare» un tavolo davanti al proprio appartamento con ogni sorta di medicinali, tentando poi di offrirli ai bambini del quartiere ripetendo, come detto, «Vi devo curare».

La segnalazione dei carabinieri

L’invito è stato fortunatamente sentito anche da alcuni genitori, che dopo aver intimato alla donna di far sparire quei farmaci hanno chiesto l’intervento dei carabinieri della Compagnia di Chivasso, coordinati dal Capitano Luca Giacolla.
Da quel giorno i militari sono intervenuti più volte in via Togliatti, ma la donna ha continuato ad offrire farmaci ai bambini incurante anche delle minacce ricevute dai residenti.
«E’ una vergogna – raccontano i residenti – cerchiamo di fare tutti attenzione, ma non possiamo escludere che qualche bambino abbocchi pensando che siano caramelle. Quella donna deve essere curata».

TORNA ALLA HOME PAGE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità