Cronaca
VEROLENGO

Ostie a terra o tra i banchi: «Consumatela davanti a me»

Don Valerio D’Amico ha avvisato i propri fedeli.

Ostie a terra o tra i banchi: «Consumatela davanti a me»
Cronaca Chivasso, 06 Febbraio 2022 ore 05:54

Ostie consacrate cadute a terra o abbandonate tra i banchi delle chiese? Questo è ciò che è accaduto a Verolengo, situazioni alle quali il prevosto, don Valerio D’Amico vuole metter fine. E lo dice pubblicamente, proprio poco prima di accingersi alla distribuire dell’ostia ai fedeli.

Ostie a terra o tra i banchi

Ostie consacrate cadute a terra o abbandonate tra i banchi delle chiese? Questo è ciò che è accaduto a Verolengo, situazioni alle quali il prevosto, don Valerio D’Amico vuole metter fine. E lo dice pubblicamente, proprio poco prima di accingersi alla distribuire dell’ostia ai fedeli. Coglie, infatti, questa occasione per avvisare di prestare la massima attenzione e indicare le regole.

«Consumatela davanti a me»

«Non posso “mangiare” tutte le Comunioni che cadono a terra e che trovo in giro per la Chiesa dopo le funzioni – ha spiegato il sacerdote durante la Santa Messa di sabato sera - Dunque, quando il fedele si trova davanti al Ministro, prima di congiungere le mani per ricevere l’ostia, invito ad abbassare la mascherina e consumare la Comunione davanti al Ministro di Dio. Non obbligatemi a rincorrervi per la chiesa per vedere se l’avete portata alla bocca».
Così, in fila ordinata i fedeli hanno rispettato le indicazioni del loro sacerdote che attento verificava che nessuno si allontanasse con la Comunione ancora nelle mani.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter