Menu
Cerca
in collina

Panchina rossa imbrattata di vernice

Il sindaco si augura che gli autori del fatto "si pentano".

Panchina rossa imbrattata di vernice
Cronaca Chivasso, 25 Aprile 2021 ore 03:11

La panchina rossa è stata imbrattata di vernice. Il sindaco Elisa Ghion  di Monteu da Po entra nel merito della questione: «Gli autori del gesto adesso dovrebbero coprire quelle scritte e chiedere scusa».

Panchina rossa imbrattata di vernice

Nella piazza principale di Monteu da Po è stata posizionata una panchina di colore rosso, simbolo delle donne vittime di violenza. E’ stata collocata e fortemente voluta dall’Amministrazione Ghion, proprio in occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne. Questo simbolo serve a spronare a trovare la forza per “uscire da quella zona grigia in cui tutto è abitudine e rassegnazione passiva”, mala stessa panchina è stata però sporcata e danneggiata.

Il commento del sindaco

Il sindaco Elisa Ghion ha voluto esprimere così il suo rammarico: «È’ solo una panchina rossa ed è ancora da terminare. È stata imbrattata chissà da chi è chissà perché.
Non tiriamo fuori la solita scusa “è una ragazzata”.
Ne abbiamo combinate tutti di marachelle, ma personalmente mai finalizzate al solo gusto di rovinare o distruggere qualcosa che appartiene a qualcun’altro, solo per “marcare il territorio”.
Questo gesto è ingiustificabile, perlopiù, è stato commesso ai danni di un bene pubblico.
È “solo” una panchina, sì, ma ha un valore simbolico, un significato chiaro: no alla violenza sulle donne, no alla violenza sempre!
Mi piacerebbe che l’autore, o gli autori del gesto, chiedessero scusa, prendessero in mano un pennello e coprissero quelle stupide scritte.
Sarebbe un gesto di grande civiltà».