Cronaca
la tragedia

Paolo Pich morto durante un'escursione I FUNERALI

Il rosario sarà recitato questa sera, venerdì 8 luglio.

Paolo Pich morto durante un'escursione I FUNERALI
Cronaca Chivasso, 08 Luglio 2022 ore 10:47

Si svolgeranno domani, sabato 9 luglio 2022 i funerali di Paolo Pich (58 anni) morto sabato scorso in un  terribile incidente in montagna  a Claviere.

I funerali di Paolo Pich

Si svolgeranno domani, sabato 9 luglio 2022 alle 10 nella chiesa di San Giuseppe Lavoratore a Chivasso i funerali di Paolo Pich morto tragicamente lo scorso sabato alla Rocca di Clarì, a Claviere. Il rosario invece sarà recitato questa sera, venerdì 8 luglio 2022 alle 20.30 sempre presso presso la chiesa di San Giuseppe Lavoratore.

 

Una tragica notizia

La tragica notizia della morte di Pich ha scosso la comunità chivassese. Era infatti molto conosciuto per la sua passione per la montagna ed era socio del Cai. L' uomo ha perso la vita dopo esser precipitano all’uscita del percorso attrezzato nella zona della ferrata di Rocca Clarì. Con lui il figlio 22enne che ha immediatamente lanciato l'allarme quando non lo ha più visto.

Il ricordo dell'amico

Massimo Corcione, amico di Paolo, ha voluto affidare ai social un ricordo che descrive perfettamente chi era la vittima di questa tragedia:

Non riesco a farmene una ragione. Il dolore che provo è enorme. La montagna, la tua passione. La stessa che ha regalato a tutti noi tanti sorrisi e gioie ora ti ha portato via per sempre.

Tu che per tutti noi sei sempre stato il fratello maggiore. Abbiamo cantato insieme intorno al fuoco, mangiato dalla stessa gavetta e condiviso le nostre vite. Con te mi sono tuffato nella più bella avventura della mia vita lo scoutismo.

Eri solo passato a dare un occhiata a quei tre ragazzini che avevano aperto un gruppo Scout. Sei rimasto a darci una mano, fondando con noi il Gruppo Scout CNGEI Chivasso 5 diventando il nostro mitico capo gruppo. Tu eri Hati, il grande elefante che in maniera saggia ha fatto crescere tutti noi. La nostra amicizia da allora no si è mai interrotta. Abbiamo visto crescere i nostri figli, ne abbiamo condiviso paure e gioie.

Per me sei e rimarrai il punto più alto da raggiungere. L'uomo pacato ed energico allo stesso tempo che avrei voluto essere. Io che avrei voluto essere Paolo Pich oggi non riesco a fare altro che piangere per te Capitano o mio Capitano.

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter