Nuovo DPCM

Piemonte in Zona Arancione, si può andare in Liguria e Valle d’Aosta

Ecco cosa si può fare da oggi, domenica 17 gennaio.

Piemonte in Zona Arancione, si può andare in Liguria e Valle d’Aosta
Cronaca Chivasso, 17 Gennaio 2021 ore 09:51

Piemonte in Zona Arancione, si può andare in Liguria e Valle d’Aosta.

Piemonte in Zona Arancione, si può andare in Liguria e Valle d’Aosta

Una buona notizia per tutti i possessori di seconde case, o anche solo per chi ha un regolare contratto d’affitto: a differenza di quanto si era ipotizzato in un primo tempo, infatti, il nuovo DPCM del premier Conte in vigore da oggi, domenica 17 gennaio, non limita più lo spostamento all’interno della stessa Regione. Quindi, chi ha una seconda casa in Liguria o in Val d’Aosta la può raggiungere senza problemi, ma per assurdo vale anche per chi possiede o affitta un’abitazione in ogni regione d’Italia.

Il testo

Nel nuovo DPCM, a differenza di quello in vigore durante le festività natalizie, si legge infatti “E’ comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione”. Restano comunque esclusi gli affitti brevi o brevissimi, anche se ulteriori dettagli si potranno avere solo con la pubblicazione delle FAQ (domande frequenti) sul sito del Governo. Al momento, però, la pagina è ancora in aggiornamento e tutte le informazioni sono legate al DPCM in vigore fino allo scorso 15 gennaio.

Permessi e divieti

Stando alle schede legate al DPCM, per il Piemonte, in zona Arancione, nei Comuni con meno di 5 mila abitanti sono consentiti spostamenti in un raggio di 30 km (anche fuori Regione) senza però poter raggiungere i capoluoghi di Provincia.

Consentite le visite a parenti e amici, nello stesso Comune, tra le 5 e le 22, sempre con un massimo di due persone (più eventuali figli minori di 14 anni).

Bar e ristoranti

I bar restano chiusi, con asporto fino alle 18. Per i ristoranti è invece concesso l’asporto fino alle 22.

Negozi e centri commerciali

I negozi possono restare aperti, mentre per i centri commerciali è prevista la chiusura nelle giornate festive e prefestive, tranne che per alimentari, farmacie, tabacchi ed edicole.

Scuole

Da domani, 18 gennaio, partirà la didattica in presenza al 50% per gli studenti delle superiori.

Cultura e sport

Chiusi musei e mostre, palestre e piscine. Restano aperti i centri sportivi.

Così è divisa l’Italia

In base alle Ordinanze del Ministro della salute dell’8 e del 16 gennaio 2021, sono attualmente ricomprese:

Area gialla: Basilicata, Campania, Molise, Provincia autonoma di Trento, Sardegna, Toscana;

Area arancione: Abruzzo, Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Piemonte, Puglia, Umbria, Valle d’Aosta, Veneto;

Area rossa: Lombardia, Provincia Autonoma di Bolzano, Sicilia.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli