Cronaca

Professore santone accusato di associazione a delinquere

Professore santone accusato di associazione a delinquere
Cronaca Torino, 24 Dicembre 2017 ore 13:36

Professore santone accusato di associazione a delinquete.

Professore santone, la vicenda

Il professore santone studiava la mappa dei nei, leggeva le carte, usava pendoli e altri oggetti magici.Infatti sencondo la Procura di Torino era questo Paolo Meraglia di Moncalieri. Era quindi al vertice di un’associazione a delinquere finalizzata al reato di violenza sessuale, viene poi considerato l’uomo “che coordinava l’intera attività delittuosa”.

Nuova accusa

Meraglia era quindi al vertice di un’associazione a delinquere finalizzata al reato di violenza sessuale, viene poi considerato l’uomo “che coordinava l’intera attività delittuosa”. E’ questa la nuova accusa  presente nel provvedimento che chiude l'indagine.

Gli indagati

Sono sei le persone, ricostruendo le caratteristiche di quella che è stata definita come fosse una setta. Risulta essere coinvolta nella vicenda anche  anche Luisa Nota. La donna, non è mai stata arrestata, ma è indagata insieme al figlio. Il giovane e la mamma sono accusati di aver convinto la  fidanzata del giovane a sottoporsi ai riti magici. Riti che non erano altro che rapporti sessuali.

Gli arresti

Nella primavera 2017 erano scattati gli arresti.  L'operazione era scattata dopo la denuncia della giovane fidanzata. In quell'occasione era finito agli arresti domiciliari anche Biangino Viotti per aver  messo a disposizione uno degli appartamenti in cui avvenivano gli incontri con il santone.

I riti

Meraglia e tutti i suoi  seguaci chiamavano questi incontri  “scambi di forza” ma non erano altro che rapporti a cui le ragazze, a volte minorenni, partecipavano insieme a molte altre persone. Così l'indagine  si è allargata coinvolgendo  sei persone. Si tratta infatti di persone che hanno avuto ruoli ben precisi durante i riti: le vestali, le ancelle, gli apostoli, i catalizzatori: tutti i ruoli necessari al compimento dei riti.

La giovane che ha sporto denuncia

La giovane che ha sporto denuncia era stata anche ricattata. Le avevo detto infatti che i video sarebbero stati inviati alla sua famiglia. Gli incontri sono durati 9 anni. Durante i riti venivano anche assunte delle sostanze stupefacenti definite pozioni magiche.

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter