Cronaca

Protesta No Tav fermati antagonisti

Sequestrati anche 19 razzi e due tubi di plastica rigida.

Protesta No Tav fermati antagonisti
Cronaca 09 Dicembre 2017 ore 15:00

Protesta No Tav, ieri, venerdì 8 dicembre, la Polizia ha bloccato i leader Antagonisti  in Val Susa

Protesta No Tav, i fatti

La Digos ha bloccato e arrestato  due militanti del centro sociale marxista “Askatasuna”, nonché un esponente del centro sociale Newrotz di Pisa. Sono stati sequestrati 19 razzi e due tubi di plastica rigida utilizzati per il lancio verso il cantiere della Tav.

La manifestazione contro

Tutto è avvenuto ieri, venerdì 8 dicembre, durante la manifestazione di tre giorni organizzata dl Movimento No Tav Valsusino.  A questa hanno preso parte anche gruppi autonomi provenienti da altre zone.  Questi, si sono radunati alle  17  nel Comune di Giaglione. Da qui hanno percorso in corteo un sentiero montano sino all'area di interesse strategico nazionale. Sono stati fermati a metà percorso,  grazie a duna cancellata metallica ancorata alle rocce ed al terreno con tiranti e ganci.  Ci sono stati  lanci di razzi e bombe carta. La Forza pubblica  ha fatto, invece, ricorso a lacrimogeni,  per  evitare l’apertura di un varco nella rete metallica con una fresa elettrica.

I lanci di razzi

Un piccolo gruppo di antagonisti, vestiti di scuro, dopo aver percorso un sentiero nella parte bassa della valle che costeggia il torrente Clarea, ha raggiunto la zona est del cantiere di Chiomonte. Qui è stato  sorpreso a  lanciare alcuni razzi e bombe carta.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter