Rolex, monili e pietre preziose rubate, nascondono la refurtiva nella biancheria intima

In uno stabile a Torino scoperti anche due allacci abusivi alla rete elettrica.

Rolex, monili e pietre preziose rubate, nascondono la refurtiva nella biancheria intima
13 Novembre 2019 ore 09:26

Controlli straordinari dei carabinieri per combattere i reati contro il patrimonio: i militari ritrovano Rolex, monili e pietre preziose rubate in abitazioni sinti.

Rolex, monili e pietre preziose rubate

I Carabinieri, durante un servizio finalizzato al contrasto dei reati contro il patrimonio, in particolare le truffe i e i furti in abitazione, hanno eseguito numerose perquisizioni all’interno del campo nomadi di etnia “sinti” di Via Legae di uno stabile in Piazza Repubblica a Torino.

I militari perquisendo le abitazioni di 3 sinti, un uomo e due donne già con precedenti penali, hanno sequestrato 4 orologi di marca “Rolex”, numerosi monili in oro e pietre preziose (smeraldi, giada, quarzo, corallo), e attrezzi per l’edilizia per un valore complessivo che supera i 65.000 euro.

Refurtiva nella biancheria intima

Le donne, al fine di eludere i controlli, hanno nascosto la refurtiva nei reggiseni e hanno finto di sentirsi male per non essere perquisite.
Inoltre è stata ritrovata anche una banconota da 200 euro, palesemente falsa.

Allacci abusivi alla rete elettrica

In uno stabile di Piazza Repubblica, invece, durante le perquisizioni per la ricerca di stupefacente, i militari hanno notato delle anomalie all’impianto elettrico e hanno richiesto l’intervento di tecnici Iren per le verifiche.
Il sopralluogo ha permesso di smascherare di condomini, un 60enne rumeno e una 35enne nigeriana, che si erano collegati abusivamente alla rete elettrica.

Accertamenti in corso

Sono in corso accertamenti per risalire alla proprietà dei preziosi e delle attrezzature edili sequestrare. La refurtiva, per il riconoscimento, può essere visionata presso la Stazione Carabinieri.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità