Cronaca
emergenza umanitaria

Sessanta profughi ucraini saranno ospitati a Cavagnolo

Verranno accolte presso abbazia di Santa Fede.

Sessanta profughi ucraini saranno ospitati a Cavagnolo
Cronaca Chivasso, 03 Marzo 2022 ore 15:04

In seguito all'emergenza umanitaria causata dalla guerra la prossima settimana arriveranno circa 60 persone dall'Ucraina. Verranno accolte presso abbazia di Santa Fede a Cavagnolo.

Sessanta profughi ucraini a Cavagnolo

Into The Wild in collaborazione con Comunità Siloe e Rachel's Learning Centre si prenderanno cura dei profughi.
La Comunità di Siloe sta collaborando con l'associazione ucraina a Storonyec' al confine con la Romania. Una sessantina di donne, bambini e adolescenti stanno cercando di raggiungere l'Italia e l'Abbazia di Santa Fede ha dato la sua disponibilità ad ospitare quanti più rifugiati possibile. La comunità ha radunato volontari ucraini e italiani per offrire ospitalità immediata. La situazione è in continua evoluzione.
Nel frattempo,  si sta predisponendo tutto il necessario per ospitare le persone una volta arrivate in Italia. Questo è solo l'inizio di molti autobus che trasportano persone con bisogni speciali, inclusi ipovedenti e bambini disabili. Per ulteriori informazioni contattare Rachel al 347 876 1169. Per le donazioni a favore dell'aiuto a questo progetto, puoi utilizzare il seguente account: ASSOCIAZIONE COMUNITARIA SILOE presso la Cassa di Risparmio di Asti
IBAN: IT57 S 06085 3771 000 000 00 23690
Aiutaci se puoi donando al seguente IBAN IT57S0608537710000000023690 all'ASSOCIAZIONE COMUNITA SILOE presso la Banca Cassa di Risparmio di Asti

Servono volontari

"Abbiamo bisogno di volontari per accoglienza e in cucina.
Verrà anche attivato un centro di raccolta di materiale e un iban per facilitare le donazioni. Cerchiamo urgentemente volontari: traduttori ucraino russo, aiuto ad accompagnare e assistere queste persone nelle stanze dell'abbazia, aiuto in cucina". - Sostengono  i gruppi che stanno portando avanti quest'azione di aiuto.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter